La Curia si muove ’a piedi’: "I bisonti girino al largo"

Monsignor Ottani: "Ripristiniamo i cortili, tuteliamo i ‘piccoli’, giovani e anziani"

La Curia si muove ’a piedi’: "I bisonti girino al largo"
La Curia si muove ’a piedi’: "I bisonti girino al largo"

La questione della torre della Garisenda sia vissuta come una occasione per cambiare prospettiva sulla città.

Lo chiede monsignor Stefano Ottani, vicario generale per la sinodalità, dalle colonne di ‘Bologna Sette’, il settimanale diocesano che ogni domenica viene venduto insieme al quotidiano Avvenire.

Il prelato ricopre anche la carica di parroco nella Chiesa dei Santi Bartolomeo e Gaetano e se la torre dovesse crollare questa Basilica, insieme a tutte le opere d’arte che sono custodite al suo interno, sarebbe fortemente danneggiata.

Nonostante questo pericolo, fin dall’inizio di questa vicenda il sacerdote ha cercato ha invitato tutti a mantenere i toni bassi e a riflettere su quanto l’uomo sia abituato ad ingigantire i problemi che gli stanno vicino, fino a trasformarli in urgenze, e a ridurre fino a renderle così piccole da non vedere quelle emergenze che gli sono lontane e che apparentemente non lo riguardano. Nell’inserto di oggi il vicario generale suggerisce di utilizzare il criterio della "messa in sicurezza" non solo per i monumenti pericolanti, ma anche come uno dei capisaldi che animano il nostro quotidiano.

In particolare si chiede un occhio di riguardo ai bambini ricostituendo quei luoghi dove possano giocare con i loro coetanei sotto l’occhio attento di qualche adulto. "I bisonti girano al largo e non fanno paura ai piccoli, né alle torri o alle esili colonne dei Servi, perché tutto il centro è un parco, attraversato da sentieri ben segnati che guidano itinerari di arte e fede, storici, culturali, ludici, commerciali, gastronomici, di pace", questo è il sogno esplicitato da Ottani.

Ripristinare quindi quei cortili che sempre più spesso i giovanissimi desiderano e che, però, non rientrano nella nostra mentalità dato che il buon vecchio gioco del "nascondino" o del "guardia e ladri" non incentivano nessun consumo. Pur non essendo citata una tirata di orecchie all’educazione digitale c’è, perché pur mettendo in una rete protetta i bimbi, nega a loro la capacità di costruire relazioni personali tenendoli in una sorta di isolamento non virtuale ma effettivo.

Il discorso potrebbe sembrare molto slegato dal dibattito su come tutelare la torre della Garisenda e la torre degli Asinelli, ma in realtà ne definisce il vero obiettivo nel lungo periodo. Conservare i monumenti in una società che non ha futuro in quanto non è in grado di prendersi cura di se stessa alla fine risulta essere una azione utile solo nell’immediato. Massimo Selleri

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro