La pera dell’Emilia-Romagna. Bando per aiutare i produttori

Ecco 600mila euro dalla Regione, l’assessore Mammi: "L’obiettivo è di ampliare il mercato"

La pera dell’Emilia-Romagna. Bando per aiutare i produttori

La pera dell’Emilia-Romagna. Bando per aiutare i produttori

L’Emilia-Romagna aiuta ancora gli agricoltori alle prese con la crisi della pera. E ora la Regione annuncia un sostegno a quelli che hanno adottato lo standard e la certificazione Igp, intendendo promuovere in Italia e all’estero la produzione della pera "di qualità". È l’obiettivo con cui la giunta regionale dell’Emilia-Romagna ha approvato, con un finanziamento di 600mila euro, un nuovo bando (domande da presentare entro le 15 del 10 agosto tramite pec) per la promozione del frutto. Tra le attività che rientrano nello stanziamento, ci sono anche quelle di comunicazione sui media e sui social, oltre alla partecipazione a fiere ed eventi dedicati. I progetti dovranno registrare un valore complessivo non inferiore a 250mila euro e il contributo sarà pari al 70% delle spese ammissibili. "Grazie agli interventi sostenuti da questo bando – spiega l’assessore regionale all’agricoltura, Alessio Mammi –, vogliamo promuovere su un mercato sempre più ampio di distributori e consumatori un prodotto di punta della nostra frutticultura, come la pera Igp. Siamo una regione leader nella produzione di pere, e questo nonostante il comparto sia stato penalizzato dagli eventi climatici avversi e dagli attacchi di patogeni". Possono accedere ai contributi i consorzi di tutela Dop-Igp, i consorzi di promozione economica e i consorzi o associazioni che rappresentino almeno il 25% degli operatori iscritti all’albo regionale dei produttori bio. Il bando non prevede la creazione di una graduatoria, tutti i progetti ammessi saranno infatti finanziati. Marco Principini