La semina di pace delle elementari

I bambini delle elementari di Zola Predosa hanno seminato grano a mano nell'area rurale del Parco Giardino Campagna. L'iniziativa ha portato alla consegna di 810 chili di farina di grano e 349 chili di farina di farro al Banco Alimentare della Caritas Interparrocchiale. Un modo per promuovere la pace e la coltivazione dei campi.

"Ci batteremo per avere sempre più campi coltivati e meno campi bombardati". Così Davide Dall’Omo, sindaco di Zola Predosa, ha chiuso sabato la semina comunitaria di grano che i bambini della quinta classe delle elementari Piero Bertolini di Riale nella mattinata avevano effettuato a mano, come una volta, nell’ettaro e mezzo di area rurale del Parco Giardino Campagna. Promossa grazie al patto di collaborazione del Comune con quattro associazioni del territorio (Zeula, Silva Nova, Borghi di Via Gesso e Wwf Bologna) e con il titolo ‘Seminare grano. Raccogliere pace’, l’iniziativa ha avuto anche un altro momento significativo.

"Al Banco Alimentare della Caritas Interparrocchiale di Zola – racconta il sindaco Dall’Omo – rappresentata dall’abate don Gino Strazzari, abbiamo consegnato 810 chili di farina di grano e 349 chili di farina di farro. Era il risultato della prima semina effettuata sullo stesso terreno nell’ottobre 2022 dai bambini delle 2.B delle elementari Beata Vergine di Lourdes, della 2.a di Riale e della 4.a delle scuole Calamandrei". Alla semina dell’altra mattina erano presenti Claudia Capuzzi, Stefano Ramazza, Mara Mazzoli, Michele Vignodelli, Elisa Vicinelli, Ivano Berti, Cesare Corazza e Romano Adani. Gli animatori dell’associazione RiCreaMente hanno coinvolto i bambini in un laboratorio di costruzione di uno spaventapasseri.

Nicodemo Mele