Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
27 apr 2021

La Via degli Dei si snoda tra mito e realtà

In cammino attraverso l’Appennino alla scoperta delle sue bellezze. Quattro tappe fino a Firenze tra natura e storia

27 apr 2021
La classe ID della scuola media Guido Reni. A destra, Franco Santi e Cesare Agostini, tra i primi scopritori della strada
La classe ID della scuola media Guido Reni. A destra, Franco Santi e Cesare Agostini, tra i primi scopritori della strada
La classe ID della scuola media Guido Reni. A destra, Franco Santi e Cesare Agostini, tra i primi scopritori della strada
La classe ID della scuola media Guido Reni. A destra, Franco Santi e Cesare Agostini, tra i primi scopritori della strada
La classe ID della scuola media Guido Reni. A destra, Franco Santi e Cesare Agostini, tra i primi scopritori della strada
La classe ID della scuola media Guido Reni. A destra, Franco Santi e Cesare Agostini, tra i primi scopritori della strada

La Via degli Dei è una strada che passa dagli Appennini e unisce Bologna (più precisamente piazza Maggiore) e Firenze (piazza della Signoria), andando da una statua di Nettuno all’altra. Il nome è dato dalla presenza del Monte Adone, il Monte Venere, il Monte Luario (ispirato alla dea Lua, divinità latina legata alla guerra) e altri monti presenti nel cammino che sono ispirati a diverse figure della mitologia pagana. La via è divisa in quattro tappe: da Bologna a Madonna dei Fornelli (S.Benetto); si prosegue attraverso il Passo della Futa (Firenzuola) verso il Monte di Fò ( Barberino); si risale in direzione del Monte Gazzaro sino a Scarperia e S.Piero (FI). In questo tratto è presente ’Il passo dell’Osteria bruciata’. La leggenda narra che un uomo e la sua famiglia gestivano una locanda: quando un viaggiatore pernottava in una delle loro camere veniva ucciso nel sonno, e le sue carni diventavano il pasto dei viandanti che passavano da quelle parti. Un giorno, però, un frate che si recò nell’osteria capì che stava mangiando carne umana e fece impiccare l’oste e i suoi familiari. La locanda fu subito bruciata. L’ultima tappa, ormai in Toscana, parte da San Piero a Sieve sino ad arrivare a Fiesole, quindi Firenze. La Via degli Dei è un percorso ricco di luoghi da visitare! Inoltre, se si cerca un posto in cui stare in armonia con la natura, senza dover ascoltare tutti i giorni i rumori della città e annusare la puzza dello smog, è il posto giusto! Attraversando l’Appennino Tosco-Emiliano, è possibile ammirare boschi di faggio e castagneti, esemplari di abete bianco e di acero, pioppi e salici, cespugli di biancospino e ginepro, splendide orchidee e anemoni bianche. Caprioli, daini, cervi, cinghiali e animali di piccola taglia (istrici, tassi, volpi, ricci e scoiattoli) popolano questi ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?