Quinto appuntamento per LIBeRI, la rassegna estiva di Villa Pallavicini. Stasera alle 21.15 sul palco si alterneranno risate ed emozioni grazie a Paolo Cevoli, autore del recentissimo Manuale di marketing romagnolo e Francesco Suffritti, 16enne poeta e scrittore di Cento con il suo libro Il cielo da quaggiù. Poesie e racconti.

Da un lato, quindi, le tre caratteristiche immancabili del marketing della Riviera Romagnola: "Sboronaggine, Ignorantezza, Patacchismo" incarnati anche in personaggi storici come Ulisse, Abramo e Cristoforo Colombo, evidentemente romagnoli a loro insaputa e, negli anni, vere spine dorsali di un approccio al lavoro, alla vita, all’impresa che ha fatto la fortuna della Romagna intera.

Dall’altro, le emozioni in prosa e poesia di Francesco Suffritti, giovane centese affetto da una rarissima patologia che, tuttavia, non impedisce una quotidiana ricerca di bellezza: "Con le poesie voglio lanciare messaggi positivi cercando di combattere odio e stereotipi, raccontando anche di problemi reali con cui alcune persone ogni giorno convivono, come faccio io, in modo che possano passare a tutti. Non rinunciate mai alla vostra felicità, qualsiasi sforzo richieda".