Bologna, 17 marzo 2018 - Tanto piacque la panchina che andò a Manfredonia. Là, sul lungomare caro a Lucio Dalla, presto aprirà la ‘Veranda sul mare’, una nuova piazza in corso di riqualificazione dove, guarda un po’, troverà posto pure una panchina-installazione dedicata al compianto cantautore. Autore del bozzetto altro non è che quel Carmine Susinni che spopolò all’Expo di Milano con la sua installazione, poi portata ‘in tour’ in mezza Italia, Bologna compresa.

Correva l’anno 2016 e quei due mesi di sosta in piazza de’ Celestini, proprio sotto casa di Dalla, furono un successone. Migliaia di visitatori e tantissime le pressioni giunte a Palazzo d’Accursio perché l’acquistasse. Seguirono incontri tra il Comune e Susinni, poi tra l’artista e un gruppo di commercianti pronti a sovvenzionare una copia (Susinni non intendeva cedere l’opera in tour).

LUCIODALLAG_3085448_231658

Ma alla fine tutto rimase lettera morta. Fino a ieri, quando un’altra giunta ha deliberato «la realizzazione di un’opera scultorea raffigurante Lucio Dalla, intitolata ‘Lucio e il mare’». Il bozzetto di Susinni richiama in tutto e per tutto la prima panchina, con un Dalla diverso ma sempre seduto, rivolto a chi gli sta accanto. Tempo un mese, assicurano dal Comune del Foggiano, e la Regione dirà se è possibile procedere: l’installazione dovrà essere finanziata con le somme residue investite dalla Puglia per riqualificare il lungomare che compare proprio nella copertina di 4/3/1943 di Dalla.