Budrio (Bologna), 22 gennaio 2020 - Le semicurve, poi le salite dei lunghi cavalcavia, e all’altezza di Bagnarola di Budrio, qualcosa va storto e la Fiat Uno verde inizia a sbandare e finisce contro altre due vetture. Lo scontro è violento e Luigi Roffi, 28 anni residente a Castenaso, resta intrappolato nel groviglio di lamiere. La chiamata ai soccorsi è immediata: sul posto arrivano i vigili del fuoco di Budrio, che lavorano per estrarre il corpo dall’abitacolo. Subito lo staff sanitario del 118, in attesa dell’arrivo dell’elisoccorso, pratica il massaggio cardiaco per rianimare il giovane, ma è tutto inutile. Roffi muore in seguito alle gravi ferite riportate in tutto il corpo. Uno degli altri automobilisti coinvolti, invece, resta lievemente ferito. È accaduto ieri sera intorno alle 19.30, sul nuovo tracciato della Trasversale di Pianura in direzione di Granarolo: sul posto a effettuare i rilievi sono intervenuti i carabinieri della stazione di Budrio e i colleghi del radiomobile della compagnia di Molinella.

Sulla trafficata arteria si sono formate lunghe code, in attesa che la strada venisse liberata dai rottami dei mezzi coinvolti. La Fiat Uno verde, appartenente al nonno del giovane, era completamente distrutta. I carabinieri nei prossimi giorni ricostruiranno la dinamica dell’indicente. Fra le ipotesi non viene scartata quella di una gomma esplosa che ha fatto perdere il controllo della vettura al 28enne. È soltanto una prima ricostruzione, ma potrebbe essere attendibile, perché l’auto ha sbandato così senza motivo. La macchina, del resto, non sembrava procedere ad alta velocità. Il giovane ha subito perso conoscenza, appena dopo l’impatto. A nulla sono valsi i tentativi disperati di rianimarlo. La Trasversale di Pianura, nel nuovo tratto, non aveva ancora fatto registrare incidenti mortali (video). Il tracciato è ben illuminato e le curve sono appena accennate, e finora c’erano stati soltanto tamponamenti. Le gomme della Fiat di Roffi verranno controllate per verificare che una delle quattro non sia esplosa. Le code di almeno un chilometro sono state smaltite intorno alle 22.