Bonus viaggio inaccessibile. L’unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti di Bologna, vuole sottolineare i tanti problemi per usufruire del bonus. L’agevolazione infatti è rivolta a persone con ridotta mobilità o in difficoltà economica a causa della pandemia. Il Comune ha uno stanziamento di 785mila euro da distribuire agli aventi diritto. "Ma la procedura è complicata – spiega il presidente Uici Andrea Prantoni – dopo aver fatto richiesta del bonus dal sito del Comune o con l’app Bolognawelfare, si può acquistare un credito prepagato da spendere su taxi o Ncc, avvalendosi dell’applicazione Roger di Tper, che presenta gravi criticità". Il dottor De Rosa, consigliere Uici espone il paradosso: "Come è stato anche sottolineato dal disability manager, è un servizio non accessibile ai non vedenti e a chi non possiede uno smartphone". Il presidente suggerisce possibili alternative molto più semplici di quelle del Comune, come una card contenente un determinato credito. "Il Comune mette in atto una grave discriminazione – accusa Prantoni – mi auguro che questo problema venga risolto il prima possibile".

Consuelo Campeggi