Quotidiano Nazionale logo
4 mag 2022

Madonna di San Luca Bologna 2022, processione solo al ritorno

Il 21 maggio l’icona raggiungerà San Pietro in auto. Ma il 29 i fedeli potranno riaccompagnarla al Santuario

massimo selleri
Cronaca
L’arrivo della Madonna di San Luca in piazza Maggiore, poco prima di entrare in San Pietro (FotoSchicchi)
L’arrivo della Madonna di San Luca in piazza Maggiore, poco prima di entrare in San Pietro (FotoSchicchi)

Bologna, 5 maggio 2022 - Sebbene per due anni la pandemia abbia interrotto il tradizionale programma che accompagna la discesa dell’immagine della Madonna di San Luca in città, il cardinale arcivescovo Matteo Zuppi ha optato per un graduale ritorno alla normalità: sabato 21 maggio, quindi, l’icona raggiungerà in auto la cattedrale di San Pietro. Prima di arrivare in via dell’Indipendenza, farà tappa in alcuni luoghi significativi presenti sul territorio del vicariato ovest della diocesi. Tra questi ci sono Villa Pallavicini, simbolo della solidarietà a vari livelli, e Villa Ranuzzi, struttura che ospita gli anziani nell’ultima fase della loro vita. Alle 19 è prevista l’accoglienza in San Pietro e di seguito la santa messa celebrata dal vicario generale per la sinodalità, monsignor Stefano Ottani. Domenica la celebrazione principale sarà presieduta dal nuovo vescovo di Reggio Emilia, monsignor Giacomo Morandi (alle 10.30) e, nel primo pomeriggio, la parrocchia greco-ortodossa di San Demetrio animerà l’ufficio della Piccola Supplica alla Madre di Dio. Si tratta di un momento di forte ecumenismo che vuole ribadire come tutto il mondo cristiano, nelle sue diverse confessioni, chieda convintamente una pace duratura nel pieno rispetto della vita dell’uomo. Mercoledì 25 maggio è prevista la prima processione con i fedeli che accompagneranno l’icona nel percorso dalla cattedrale al sagrato della Basilica di San Petronio, dove alle 18 si terrà la tradizionale benedizione alla città. Sabato 28 maggio, è previsto un momento di piena solidarietà con il popolo ucraino. In cattedrale (alle 14) verrà celebrata la divina liturgia in rito bizantino-slavo dal vescovo Dioniso Lahovicz, esarca apostolico per i fedeli ucraini in Italia. Domenica 29 maggio è prevista la risalita al santuario. La messa episcopale della mattina (alle 10.30) sarà presieduta dal cardinale Mario Grech, segretario generale del sinodo dei vescovi, e alle 15 le comunità ortodosse di Bologna animeranno l’ufficio della Piccola Supplica alla Madre di Dio. Alle 17 partirà la processione che accompagnerà il ritorno dell’immagine al Colle della Guardia. Durante il percorso sono previste tre soste, in piazza Malpighi, a porta Saragozza e all’arco del Meloncello, dove il cardinal Zuppi impartirà la benedizione ai fedeli. Durante la presenza in città dell’icona le messe celebrate in cattedrale sono previste alle 7.30, 9, 10, 12, 16, 17.30 e 19. La recita del rosario è fissata alle 15 e quella del vespro alle ore 17.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?