Quotidiano Nazionale logo
23 mar 2021

Magazzino Amazon bloccato dallo sciopero

I lavoratori della logistica hanno protestato a Crespellano per le condizioni di lavoro e le retribuzioni nel colosso dell’e-commerce

I rappresentanti della Cgil davanti al magazzino Amazon di Crespellano
I rappresentanti della Cgil davanti al magazzino Amazon di Crespellano
I rappresentanti della Cgil davanti al magazzino Amazon di Crespellano

Sciopero con blocco dell’ingresso al magazzino ieri mattina alla sede Amazon di Crespellano, dove a incrociare le braccia sono stati i lavoratori della logistica, ovvero i corrieri appartenenti alle cinque aziende che per conto del gigante dell’e-commerce effettuano le consegne tra Bologna, Modena e la Romagna. Fin dalle prime ore del mattino la via 2 agosto 1980 e tutte le vie intorno erano sature di decine di furgoni e relativi autisti. Molti di essi hanno aderito allo sciopero mentre altri già verso le 10,30 premevano per ritirare le merci da consegnare. Il blocco però è durato, come previsto, fino al primo pomeriggio e fino ad allora è stato un succedersi di slogan, musica, bandiere, fumogeni, fischietti e canzoni di lotta, con volantinaggio verso i pochi mezzi che con qualche difficoltà sono riusciti a raggiungere gli ingressi delle altre aziende che affacciano sulla strada comunale. A distanza discreta, schierati anche i carabinieri del battaglione e quelli della stazione di Crespellano, mentre il servizio alla viabilità è stata svolta dagli agenti della polizia locale. La giornata di sciopero è stata indetta a livello nazionale da Cgil, Cisl e Uil. Al centro della protesta, la più importante da quando è stato aperto questo magazzino, le condizioni di lavoro dei lavoratori della logistica: magazzinieri e corrieri, che dall’inizio della pandemia hanno registrato un aumento notevole dei ritmi di consegna senza ottenere, sostengono, corrispettivi negli stipendi e neppure nelle garanzie sul piano delle condizioni di lavoro, con ritmi massacranti e il rischio di perdere l’ingaggio in caso di fallimento delle imprese della logistica. "Nulla da perdere, tutto da guadagnare", è uno dei tanti slogan coniati per l’occasione dai giovani e giovanissimi autisti, ai quali ogni mattina viene assegnata una tabella di marcia governata e controllata in via telematica che comprende anche 120 o 150 ‘stop’, ovvero consegne ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?