Giuseppe Stefanelli aveva 60 anni
Giuseppe Stefanelli aveva 60 anni

Monghidoro (Bologna), 21 dicembre 2019 – E' caduto nel fiume in piena ed è morto annegato. Stamattina Giuseppe Stefanelli, un autotrasportatore 60enne di Monghidoro, è finito con il suo mezzo nelle acque del Santerno, nei pressi del ponte di Cornacchiaia, nel Comune di Firenzuola, in provincia di Firenze.

Il cadavere è stato trovato a quasi dieci chilometri di distanza da alcuni volontari, i quali hanno avvistato il corpo senza vita sotto un cavalcavia della linea ferroviaria dell'alta velocità. Lo ha recuperato il Nucleo Sommozzatori dei vigili del fuoco di Firenze, che poi lo ha affidato al personale del 118. Il medico non ha potuto che constatarne il decesso.

La dinamica dell'accaduto è al vaglio dei carabinieri, che indagano su quanto accaduto. Secondo quanto appreso, l'uomo, insieme a un conoscente di Loiano, si è diretto in moto nel versante toscano dell'Appennino. Giunti in località Cornacchiaia, i due si sarebbero avvicinati al greto del fiume, forse con l'idea di guadarlo, ma avrebbero desistito per la forte corrente. Mentre il centauro di Loiano avrebbe compiuto normalmente l'operazione di allontanamento dal fiume, il sessantenne sarebbe invece scivolato in fase di manovra, cadendo in acqua senza riemergere, forse sbattendo la testa contro un sasso. L'altro motociclista ha immediatamente dato l'allarme. Il corpo senza vita del sessantenne è stato ritrovato in località San Pellegrino, ad una decina di chilometri di distanza dal luogo della scomparsa. La salma si trova ora a medicina legale a Firenze.