Mario Pianesi (Ansa)
Mario Pianesi (Ansa)

Bologna, 17 marzo 2018 - Mario Pianesi ha riconsegnato al Comune la Turrita D'Oro, il riconoscimento che gli era stato conferito dal sindaco Merola nel 2014. E' una conseguenza dell'inchiesta che vede il 'guru' del macrobiotico indagato ad Ancona con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù, maltrattamenti, lesioni aggravate ed evasione fiscale. Il ritiro della Turrita era stato caldeggiato dalla Lega, ma il primo cittadino aveva preso tempo, spiegando di voler aspettare l'esito dell'indagine.

Ma Pianesi - che è considerato molto vicino, anche per ragioni di amicizia, a Merola - ha deciso il passo indietro, allegando una lettera in cui spiega le ragioni della sua scelta: “Per evitare qualsiasi tentativo di strumentalizzazione in danno Suo e della stessa Amministrazione - scrive Pianesi a Merola - riconsegno, rimettendola nella Vostra disponibilità, la prestigiosa Turrita d’oro”. Insieme a Pianesi, sono coinvolti nell'inchiesta anche la moglie e due stretti collaboratori.

Macrobiotica, a Bologna 4mila iscritti. "Non siamo una setta"

image