Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
2 mag 2022

Mascherine in bar e ristoranti, via l'obbligo a Bologna. Ma c'è chi la porta ancora

Prove di normalità in centro storico, tanti continuano a indossare il dispositivo di protezione: "E' la forza dell'abitudine"

2 mag 2022
giorgia de cupertinis
Cronaca

Bologna, 2 maggio 2022 - Nemmeno la pioggia ferma i bolognesi, e il loro entusiasmo, nell’afferrare a piene mani il primo vero e proprio tentativo di ritorno alla normalità in convivenza forzata con il virus. Caduto l’obbligo di mascherina anche nei ristoranti e nei bar al chiuso - così come nei supermercati o nei negozi - chi oggi ha voluto regalarsi un momento di ristoro lo fa ora con un sorriso in più (video).

Prove di normalità in centro storico
Prove di normalità in centro storico

Leggi anche Mascherine al cinema e a teatro, Felicori: "Basta con l'obbligo"

All’entrata dei locali qualcuno la stringe tra le mani, ma facendo mente locale, la ripone subito in tasca. Ed entra a volto scoperto: il timore dei mesi scorsi, infatti, sembra lasciare il posto all’ebbrezza di una quasi ritrovata normalità. Tra la folla che ha costellato oggi il centro storico, però, non manca anche chi - seppur in netta minoranza - continua a indossare il dispositivo di sicurezza nei luoghi dove non è più richiesto, così come all’aperto. Questo perché, come evidenziano diversi bolognesi, è anche e soprattutto l’abitudine a giocare un ruolo chiave in questo primo parziale ‘addio’.

"Mi sento molto tranquillo, ma è il contesto che mi influenza molto. Se vedo intorno a me persone che continuano a portarla, lo faccio anche io. Dipende dai casi: stamattina l’ho indossata al bar, mentre ho fatto diversamente poco dopo in pizzeria, dove non l’aveva nessuno - spiega Giulio Terella -. In biblioteca, invece, la raccomandano, ed in quel luogo scelgo di indossarla per precauzione". Cosi anche Alessandro Rocca e Stefano Tinti, insieme a pranzo e ottimisti per le nuove disposizioni, ma comunque con la mascherina a portata di mano. Una libertà, dunque, benvoluta e ben accolta, ma con un occhio sempre attento. Meticolosità che viene meno, però, nei mezzi pubblici, dove fino a metà giugno sarà necessaria la Ffp2: come richiedono le regole, tutti i passeggeri continuano a salire sugli autobus a volto coperto, ma la maggior parte opta, erroneamente, per le mascherine chirurgiche o di stoffa. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?