Meno smartworking: "Meglio in presenza"

La nuova sede incoraggia la presenza fisica dei dipendenti, che possono lavorare anche da remoto. Gli spazi lounge offrono un luogo piacevole dove le persone vengono volentieri.

La nuova sede, che è collegata con il polo di via della Beverara 19, ha incentivato, grazie anche alla creazione degli spazi lounge, la presenza fisica dei dipendenti, che possono lavorare anche da remoto, con la modalità di smart-working, ora meno prediletta. "La presenza è un modo per conoscersi e per sviluppare lavori creativi – dice la responsabile delle risorse umane Loretta Chiusoli –. E anche per godere di questi spazi che stanno diventando di grande piacere, dove le persone vengono volentieri, molto più di prima".