La neonata ’Pizza Maggiore’. presentata ieri. celebra la piazza più nota della città
La neonata ’Pizza Maggiore’. presentata ieri. celebra la piazza più nota della città
Cosa succede quando il cibo più amato dagli italiani incontra i prodotti tipici del territorio bolognese? Se il profumo della mortadella anticipa il suo arrivo in tavola, il sapore delle patate ne completa l’opera:è la ’Pizza Maggiore’, un gioco di parole e di ingredienti che ha dato vita a un nuovo piatto che rispecchia non solo i sapori della città felsinea, ma anche della sua tradizione. Nata da un’iniziativa targata Cineteca, Confcommercio...

Cosa succede quando il cibo più amato dagli italiani incontra i prodotti tipici del territorio bolognese? Se il profumo della mortadella anticipa il suo arrivo in tavola, il sapore delle patate ne completa l’opera:è la ’Pizza Maggiore’, un gioco di parole e di ingredienti che ha dato vita a un nuovo piatto che rispecchia non solo i sapori della città felsinea, ma anche della sua tradizione.

Nata da un’iniziativa targata Cineteca, Confcommercio Ascom, Berberè Pizzeria, Comune e Bologna Welcome, questo piatto innovativo accompagnerà il festival ‘Cinema Ritrovato’ per coniugare il gusto all’arte alla cinefilia. Non solo: dopo questa prima fase, l’obiettivo sarà coinvolgere le pizzerie e i forni di città e provincia per inserire la nuova ricetta nei loro menù, introducendo così fra le proposte anche un’idea gastronomica ‘bolognese doc’. Condita con ingredienti che rappresentano l’eccellenza della nostra gastronomia, la ricetta, messa a punto da Berberè, prevede alcuni dei prodotti locali più conosciuti al mondo, quali la mortadella Igp e le patate di Bologna Dop, arricchite da una salsa verde e dal fiordilatte. Al progetto hanno già aderito una trentina di pizzerie associate Confcommercio Ascom, per contribuire alla promozione dei prodotti locali.

"Siamo onorati di essere il braccio armato di quest’idea: ci piace pensare di lasciare una traccia allegra e positiva in un momento difficile come quello della pandemia – sottolinea Salvatore Aloe, fondatore di Berberè Pizzeria –. Abbiamo voluto creare una pizza che potesse diventare un classico per la città e che, in un futuro, potesse superarne i confini ed essere introdotta anche nei menù di altri paesi". Un progetto ambizioso, ma dal sapore inconfondibile. "Siamo partiti da un’idea di Gianluca Farinelli, direttore della Cineteca, il cui intento era creare un prodotto che rappresentasse la città e allo stesso tempo rendesse omaggio alla Piazza in cui portiamo avanti diverse attività, come quella del cinema all’aperto – commenta Giancarlo Tonelli, direttore di Ascom –. Questa iniziativa sarà motivo di promozione e ci aiuterà a far conoscere al mondo un nuovo prodotto bolognese in tutto e per tutto, grazie all’attenta scelta degli ingredienti che richiamano il territorio".

Giorgia De Cupertinis