Al centro Roberto Morgantini (foto Schicchi)
Al centro Roberto Morgantini (foto Schicchi)

Bologna, 18 marzo 2’17 - Una giornata di “cura del territorio e di festa” dal ponte di Stalingrado a via Matteotti e via Serlio, a Bologna: l’appuntamento sotto il segno della campagna “I love Bolognina”. Alle 9,30 i partecipanti si sono ritrovati sul ponte, dal lato che guarda verso la Bolognina, dove è stato realizzato il logo “I love Bolognina”.

“Il grande cuore con la scritta che testimonia l’affetto per questa parte di città si aggiungerà ai murales tracciati in questi mesi grazie all’iniziativa portata avanti da Roberto Morgantini - aveva spiegato Palazzo D’Accursio - e da tutti gli artisti che hanno raccolto l’invito a ripulire il ponte di Stalingrado dalle scritte per lasciare spazio a diverse espressioni artistiche”. Un gruppo di volontari è andato poi in via Matteotti e in via Serlio per ripulire altri muri dalle scritte. Dal primo e “folle” tentativo di dipingere il ponte di Stalingrado sono trascorsi cinque mesi, ricorda Morgantini: “Con molte difficoltà, ci siamo riusciti. Oggi il ponte è un percorso di arte di strada dove stili, tematiche e colori sembrano raccontare la storia del mondo”. E la sfida continua: “Se sei un artista o se hai anche solo desiderio di darci una mano, ti aspettiamo sul Ponte di via Stalingrado, armati di pennello per una nuova battaglia di bellezza”, è l’appello di Morgantini.