Il museo degli etruschi ci servirà. La proposta di realizzare un polo museale nell’ex municipio di Casalecchio raccoglie l’adesione anche di Erika Seta, capogruppo del centrodestra. "La proposta di aprire un museo etrusco nella nostra cittadina, dove si sono fatti importanti rinvenimento archeologici ci trova in pieno accordo, perché riteniamo che sia l’occasione che la nostra città attende da...

Il museo degli etruschi ci servirà. La proposta di realizzare un polo museale nell’ex municipio di Casalecchio raccoglie l’adesione anche di Erika Seta, capogruppo del centrodestra. "La proposta di aprire un museo etrusco nella nostra cittadina, dove si sono fatti importanti rinvenimento archeologici ci trova in pieno accordo, perché riteniamo che sia l’occasione che la nostra città attende da tempo: finalmente un polo di attrazione culturale che dia un rilancio economico e culturale", osserva la Seta che guarda con preoccupazione alla situazione del commercio e dei servizi nell’immediato post emergenza Covid 19. "Il nostro Comune si è sempre riempito la bocca con la parola cultura, e ora che c’è qualcosa di utile da fare non si può nascondere dietro alla mancanza di fondi. Credo sia giunto il momento politico in cui fare scelte di priorità. Ad esempio mi domando che senso abbia oggi fare mutui per 380mila euro per realizzare la mega struttura per la bocciofila quando tutti i giocatori sono già transitati in altri territori. Invitiamo il nostro sindaco a spendere meglio i soldi pubblici e a spenderli per il bene di tutta la comunità non solo dei soliti pochi eletti".

Il sindaco Bosso aveva rilasciato una dichiarazione di favore alla proposta del professor Chierici, che sostiene da tempo l’opportunità di valorizzare l’identità storica (e preistorica) di Casalecchio per realizzare (in prima battuta) nel vecchio municipio un nuovo museo archeologico che per quantità e qualità dei reperti potrebbe piazzarsi tra i primi in ambito regionale. "L’impegno assunto da Bosso lo condividiamo. E’ anche il momento giusto per il Pd che con il ministro Franceschini potrebbe garantire tutto il sostegno (e il finanziamento necessario) -aggiunge la Seta- C’è un importante aspetto culturale e c’è anche la consapevolezza che dopo questa botta della pandemia e l’apertura del cantiere della Nuova Porrettana questo museo potrebbe essere un elemento di attrazione insieme alla Chiusa, il Lido e il Talon".

Gabriele Mignardi