di Gian Aldo Traversi Natale della rinascita nel segno del soul, per Porretta piccola Memphis, uno spicchio del pianeta dedicato a Otis Redding dove permangono massicce dosi di umanesimo secondo quella tutt’altro che obsoleta, vivissima categoria dinamica dello swing strumentale e cantato. Un inesausto motore in avanti sospinto da Graziano Uliani dal 1988, anno in cui s’inventò il Porretta Soul Festival. Preludio all’annuncio che il patron della rassegna ha fatto all’eXtraBO della 33esima edizione, le cui date principali si terranno per la prima volta...

di Gian Aldo Traversi

Natale della rinascita nel segno del soul, per Porretta piccola Memphis, uno spicchio del pianeta dedicato a Otis Redding dove permangono massicce dosi di umanesimo secondo quella tutt’altro che obsoleta, vivissima categoria dinamica dello swing strumentale e cantato. Un inesausto motore in avanti sospinto da Graziano Uliani dal 1988, anno in cui s’inventò il Porretta Soul Festival. Preludio all’annuncio che il patron della rassegna ha fatto all’eXtraBO della 33esima edizione, le cui date principali si terranno per la prima volta in inverno, dal 27 al 29 dicembre al Cinema Teatro Kursaal (ore 21 e 21.15), una serie di brani eseguiti dal chitarrista Tony Gentry, frontman dei Bar-Kays.

Edizione speciale densa di intuizioni, priva di ridondanze e compiacimenti cui partecipa Bobby Rush, Grammy Awards winner 2021, protagonista del documentario di Richard Pearce ’The Road To Memphis’, parte di ’The Blues’, serie di film firmata Martin Scorsese, sul palco del Kursaal il 28. Le altre guest speciale sono Curtis Salgado, mentore di John Belushi, Mitch Woods & His Rocket 88’s (piano boogie-woogie). Due le band residenti: Anthony Paule Soul Orchestra con ospite Terrie Odabi e Allan Harris ’Kate’s Soulfood’ in collaborazione con Umbria Jazz Winter.

Ciak, insomma, su un inedito ’Soul after Christmas’ che parte con l’inaugurazione del Soul Museum alle Vecchie Carceri (il 26) e il live del cibo in un mini villaggio natalizio con una mostra mercato dei prodotti tipici. Nella scaletta c’è pure la presentazione del nuovo libro di Antonio Bacciocchi ’Soul’ (il 28) edizioni Diarkos (Rusconi) e la proiezione del docu-film di Giorgio Verdelli e Graziano Uliani ’Le Strade dell’Anima’ (dal 27 al 29). Gli appuntamenti cosiddetti ’minori’, con ingresso gratuito, saranno alle 12 e alle 17 all’Hotel Roma e all’Hotel Elvetia adattati per l’occasione a ’soul club’.

Il sipario si alza alla Sottostazione, bistrot che alle 16 del 27 apre i giochi con il concerto di Mitch Woods & His Rockin 88’s (piano boogie-woogie). Il programma serale al Kursaal prevede dalle 21 le esibizioni di Allan Harris ’Kate’s Soulfood’ e della Anthony Paule Soul Orchestra, ospite la soul singer Terrie Odabi. Il 28 poi i protagonisti del Kursaal si esibiranno di pomeriggio al Roma e all’Elvetia, mentre di sera al cine-teatro ci saranno Curtis Salgado & Soul Shot e subito dopo l’orchestra residenziale con il super divo Bobby Rush.

Organizzate con Bologna Welcome le visite guidate porteranno ai murales dei grandi del soul tra cui spicca quello di 13 metri che celebra appunto Bobby Rush. Le performance saranno riprese da Lepida Tv sul canale regionale. Info: 335 6364192; costo per serata 35 euro, abbonamento alle tre serate 90 euro, prevendite www.vivaticket.it biglietteria del Kursaal (via Mazzini 42).