CHIARA CARAVELLI
Cronaca

Omicidio di San Giovanni in Persiceto, il gesto della donna anticipato da alcuni bigliettini

L’esasperazione per la malattia del marito e l’intenzione di farla finita emergerebbero da alcuni messaggi scritti su carta.

San Giovanni (Bologna), 4 febbraio 2023 – Due coltelli da cucina acquistati al supermercato. In macchina e in casa bigliettini con le scuse nei confronti del figlio in cui viene raccontata una “situazione insostenibile” nell’assistere il marito malato. Pezzi di un puzzle, dell’omicidio di San Giovanni, che ora i carabinieri stanno pian piano rimettendo insieme

Approfondisci:

Omicidio a Bologna: accoltella il marito malato, poi tenta di togliersi la vita

Omicidio a Bologna: accoltella il marito malato, poi tenta di togliersi la vita

Una tragedia famigliare quella consumata in via Sabin, in zona industriale. L’uomo, Renzo Marchesi, ex operaio di 78 anni, è morto per alcune coltellate al petto, al basso ventre e in altre parti vitali del corpo. A sferrare i colpi, all’interno della loro auto, con un coltello da cucina, sarebbe stata proprio la moglie, casalinga di 76 anni, la quale avrebbe poi rivolto la lama verso di sé, ferendosi, ma non mortalmente.

I carabinieri della scientifica al lavoro (Fotoschicchi)
I carabinieri della scientifica al lavoro (Fotoschicchi)

Ancora non è chiaro se il gesto sia stato concordato. Tra i biglietti trovati sarebbero stati proprio riferiti al gesto drammatico di ieri sera. Altri invece, sarebbero riferiti al periodo precedente, in cui la donna avrebbe manifestato uno stato di insofferenza.

L'intervento dei carabinieri del nucleo radiomobile di San Giovanni è delle 20.15. A chiamare il 118 è stato il figlio della coppia, avvisato dalla madre, in stato di choc. Sul posto è arrivato in breve tempo anche il pm di turno Francesca Rago, che coordina gli accertamenti dell'Arma. Sarà disposta l'autopsia e proprio dall'esame medico legale si potranno avere informazioni utili a chiarire la dinamica del delitto e un eventuale consenso della vittima, che allo stato non emergerebbe.

In corso ulteriori accertamenti da parte dei carabinieri e della medicina legale che nei prossimi giorni effettuerà l’autopsia disposta dalla Procura.

La donna, arrestata in flagranza, è ricoverata in Medicina d’urgenza al Sant’Orsola, dove è piantonata dai carabinieri.