Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
17 nov 2020

Ospizio lager, anziani picchiati e lasciati morire Quattro badanti arrestate dai carabinieri

Aurelia Dragomir e le sue collaboratrici sono accusate di maltrattamenti, omissione di soccorso ed esercizio abusivo della professione. Due gli ospiti deceduti, nel giro di due settimane, nella struttura di Monteveglio. Altri sette erano stati poi trasferiti in un hotel

17 nov 2020
nicoletta tempera
Cronaca

di Nicoletta Tempera Una casetta arancione, con le tendine alle finestre e un ampio cortile affacciato sulle colline della Valsamoggia. E, oltre la porta, l’inferno. "Gli faccio le tagliatelle a mano tutti i giorni", prometteva Aurelia Dragomir ai parenti che le affidavano i loro anziani da accudire, pagando una retta di 1.300 euro al mese. E invece la donna, romena di 56 anni, assieme alle sue tre collaboratrici, le sorelle Antonella (63 anni), Luana (59) e Natascia (45) Marchese, avrebbe vessato i poveri ospiti in ogni modo, per tutti i giorni della loro permanenza. I carabinieri del Nas, che ieri hanno arrestato le quattro, hanno scoperto un incubo reale nascosto tra le mura della casa famiglia ‘Nino Aurelia’ di Monteveglio. Un incubo fatto di violenze fisiche e psicologiche. Di minacce e umiliazioni. Tutto documentato attraverso intercettazioni ambientali e telefoniche, che raccontavano di un quotidiano fatto di paura per i nove anziani, tutti ultraottantenni, che vivevano nella struttura. L’indagine è partita dalla morte di Vincenzo Fornasini, di 82 anni, avvenuta il 22 gennaio per polmonite all’ospedale di Bazzano. I medici, al momento del ricovero, avevano riscontrato traumi e lividi sul corpo dell’anziano, arrivato praticamente in fin di vita. E avevano avvertito i carabinieri della stazione di Bazzano, perché la situazione era sospetta. In particolare, il pensionato aveva un trauma facciale e dei segni ai polsi e alle caviglie, come se fosse stato a lungo legato. Da quella morte, dovuta a uno stato di abbandono in cui versava il povero Fornasini (che, per l’accusa, non sarebbe stato soccorso per tempo dalle quattro), l’indagine si è allargata, arrivando a scoperchiare una realtà fatta di vessazioni e crudeltà, minacce e botte. L’inchiesta, coordinata dal procuratore capo Giuseppe Amato e dalla pm Manuela Cavallo, è quindi passata al Nas. Che, in questi mesi, ha potuto accertare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?