La neonata Alice, in braccio alla mamma Roberta Caruso, accanto al papà Nicola Forese con
La neonata Alice, in braccio alla mamma Roberta Caruso, accanto al papà Nicola Forese con

Crevalcore (Bologna), 12 luglio 2021 - Era andato a lavorare normalmente per prestare il suo servizio in ambulanza, ma è arrivata una chiamata d’urgenza ed è intervenuto, con i colleghi e con i dottori dell’auto medica di Persiceto, proprio a casa sua, perché la moglie stava per partorire. E’ successo a Crevalcore ieri mattina a un volontario della Pubblica Assistenza di Crevalcore ieri mattina.

I protagonisti di questa bella storia, che ha visto venire al mondo una bimba, sono il papà Nicola Forese 37 anni, la mamma Roberta Caruso, 31 anni e la neonata Alice. Ma andiamo con ordine. Intorno a mezzogiorno e mezzo una delle ambulanze della Pubblica Assistenza – che effettuano anche in emergenza servizio di pronto intervento sotto il coordinamento della Centrale 118 Emilia Est – ha ricevuto una richiesta di intervento proprio nell’abitazione del volontario. A casa c’era la moglie in procinto di partorire. L’ambulanza è arrivata a sirene spiegate seguita dall’auto medica. Alla signora sono state subito prestate le prime cure del caso e i medici hanno constatato che la bimba stava per nascere e non c’era tempo per andare in ospedale. Da lì, la decisione di far partorire la signora in casa e di portarla poi in ospedale in un secondo tempo. E così è stato. Tutto è andato per il meglio e Alice, tra la gioia dei presenti, ha fatto sentire la sua voce con i suoi primi vagiti.

"E’ stata un’esperienza davvero emozionante – dice Forese – veder nascere mia figlia, la secondogenita. Mai mi sarei aspettato di dover assistere mia moglie durante il parto in questo modo e proprio in casa nostra. Non credo sia una cosa così frequente, quella di andare al lavoro e poi intervenire d’urgenza in casa propria". La Pubblica Assistenza, che tra l’altro sta gestendo l’hub vaccinale al Parco Nord di Crevalcore in collaborazione con l’Ausl, è un’associazione di volontariato fondata nel 1985.

"La nostra associazione – spiega il presidente Giovanni Di Girolamo – fonda la propria opera sulla partecipazione dei soci effettivi e dei soci sostenitori. I volontari sono soci effettivi, sono coloro che si impegnano concretamente nelle nostre attività e nei nostri servizi alla comunità. Tutti possono svolgere attività di volontariato presso la nostra Associazione, scegliendo il settore preferito e che si ritiene più adatto alle proprie disponibilità ed alle proprie caratteristiche personali. Chi ci volesse conoscere può venire a trovarci nel nostro stand alla Fiera del Carmine di Crevalcore dal 16 al 18 luglio prossimo, oppure nella nostra sede di via Candia". Dopo i controlli di rito, Alice è stata quindi portata con la mamma nel reparto di maternità dell’ospedale Maggiore di Bologna per gli ulteriori controlli del caso.