Argelato (Bologna), 5 giugno 2018 – Esasperato dalle multe del dispositivo photored tra Funo di Argelato e Sala Bolognese, non ce la faceva proprio più: un automobilista di 25 anni residente tra Bentivoglio e Funo di Argelato domenica, intorno alle 4 del mattino, ha sradicato dal terreno utilizzando delle catene di ferro collegate al suo mezzo il photored (il dispositivo che multa chi ‘brucia’ il rosso) sulla Trasversale di Pianura, poi si è allontanato. Per sua sfortuna, una pattuglia del nucleo operativo e radiomobile di Persiceto, durante un servizio di controllo, lo ha fermato alla guida di un Fiat Scudo e pizzicato con a bordo l’apparecchio, appena sradicato dal campo. Il giovane, che abita vicino al luogo dove si è verificato l’atto vandalico con furto, prima non ha voluto spiegare il motivo dell’insolito furto poi, dopo essere stato arrestato, ha fatto capire che non si trattava della solita bravata. La sua rabbia nei confronti del photored non era dovuta soltanto alle multe: il dispositivo, a suo dire, sarebbe il colpevole di file e code sulla Trasversale di Pianura.

A tutto questo si aggiungono le contravvenzioni (più di una) comminate in poco tempo dallo stesso apparecchio. Così l’automobilista, vessato dalle sanzioni arrivate per via dello stesso photored ha deciso di vendicarsi contro il marchingegno elettronico, sradicandolo dalla terra.

Il photored finito nel mirino (questa volta anche in senso letterale) si trova all’incrocio dove la Trasversale si interseca con l’abitato di Funo ad Argelato. Qui sono stati gli uomini dell’Arma a scoprire il 25enne, che aveva portato via la postazione blindata con all’interno l’apparecchio. È da verificare ancora se con questo gesto, il giovane volesse evitare di perdere altri punti della patente dovuti a una multa recente. Fra l’altro, nel corso delle operazioni per spostare la postazione blindata dal furgone, un carabiniere è rimasto ferito a un piede.