Bologna, picchia la moglie: arrestato (foto d'archivio De Pascale)
Bologna, picchia la moglie: arrestato (foto d'archivio De Pascale)

Bologna, 7 dicembre 2019 –  In un bosco, ha tentato di strangolarla con una corda intorno al collo. E giù botte. L'ennesima storia di violenza sulle donne, la pillola di veleno quotidiano, arriva dalla provincia di Bologna, dove i carabinieri della Compagnia di Vergato guidati da Sabato Simonetti arrestano un 61enne marocchino per tentato omicidio, violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia.

I titoli pescati dal codice penale per tradurre le azioni in reati non rendono l'idea della sua ferocia. Il modo con il quale decide di punire la moglie nel marzo scorso, sì. I due sono separati, ma vivono ancora insieme. C'è l'ennesima lite. Allora lui, evidentemente frustrato da una separazione che non accetta, decide di spaventarla davvero. La porta in un bosco, le cinge il collo con una corda tentando di strangolarla. Poi la pesta di botte. E la lascia lì.

E' stata smentita nel pomeriggio la ricostruzione secondo la quale la donna sarebbe stata addirittura appesa a una pianta.

Dopo un po' la donna riesce a liberarsi e torna a piedi a casa, dove i figli la medicano. Scorrono mesi vissuti nella paura. Fino a settembre, quando la 42enne trova il coraggio di uscire da quell'incubo e andarsene. E di denunciare il marito, che dopo le indagini, cui collaborano i servizi sociali, finisce finalmente in carcere.