Ricreare le connessioni tra musica, persone, luoghi ed eventi in Europa dal XVI secolo fino ad oggi. È l’obiettivo di Polifonia, nuovo progetto europeo finanziato con 3 milioni di euro dal programma quadro Horizon 2020 e coordinato dall’Università di Bologna. Il progetto si svilupperà nel corso dei prossimi 40 mesi, e i risultati – che saranno pubblici e disponibili via...

Ricreare le connessioni tra musica, persone, luoghi ed eventi in Europa dal XVI secolo fino ad oggi. È l’obiettivo di Polifonia, nuovo progetto europeo finanziato con 3 milioni di euro dal programma quadro Horizon 2020 e coordinato dall’Università di Bologna. Il progetto si svilupperà nel corso dei prossimi 40 mesi, e i risultati – che saranno pubblici e disponibili via web sotto forma di un dataset globale e interconnesso – forniranno un contributo fondamentale al miglioramento della comprensione del patrimonio musicale europeo.

"Polifonia svilupperà strumenti di intelligenza artificiale che permetteranno di navigare attraverso un’incredibile mole di suoni e testi plurilingue", spiega Valentina Presutti, coordinatrice del progetto e ricercatrice al Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Moderne. "In questo modo, sarà possibile capire come la musica è cambiata e come ha reagito al contesto sociale e politico negli ultimi sei secoli".

Lo scopo è creare una risorsa vasta e accessibile da chiunque attraverso un portale web, permettendo in tal modo di svelare fenomeni di connessione in modo sistematico. Utilizzando la stessa metodologia sarà possibile migliorare la comprensione dell’evoluzione dei generi musicali, la loro diffusione nel tempo e nello spazio e le relazioni esistenti tra musica e società, come le colonne sonore delle rivoluzioni, dei movimenti di emancipazione, delle guerre o addirittura delle pandemie.

Tra i diversi temi attorno ai quali si articolerà il progetto, uno è dedicato nello specifico a Bologna. Il pilot MUSICBO si propone di creare un corpus digitale plurilingue contenente testimonianze di studiosi, giornalisti, viaggiatori, scrittori e studenti in un periodo compreso dal Medioevo ai giorni nostri. Saranno pubblicati documenti che mostrano diversi stili discorsivi come narrazioni, epistole, notizie di attualità, resoconti di viaggio.