Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
30 lug 2022

Poliziotti pestati sul treno a Bologna, due arresti

È successo l’altra notte a bordo di un regionale per Ravenna fermo in stazione.
L’aggressore è già libero. La rabbia dei sindacati: "Non ci tutela nessuno"

30 lug 2022
nicoletta tempera
Cronaca

Bologna, 30 luglio 2022 - Voleva aiutare quel ragazzo che, chiaramente fuori di sé, si stava tagliando con un coltellino. Ma è stato travolto dalla furia del giovane, un marocchino sconosciuto allo Stato di 23 anni, che è saltato addosso all’ispettore della Polfer, colpendolo alla testa e al torace, procurandogli una grossa ferita con trauma cranico e la rottura di due costole. Anche un altro poliziotto, intervenuto per soccorrere il collega, ha riportato lesioni.  È successo l’altra sera, intorno a mezzanotte e mezza, su un treno regionale diretto a Ravenna, fermo alla stazione.  Leggi anche Capitreno Emilia Romagna, insulti e botte: arrivano body-cam e guardie giurate Il capotreno, mentre si aggirava tra i vagoni, ha notato due giovani nordafricani in stato di semi incoscienza. Ha tentato di svegliarli, ma erano completamente alterati, non è chiaro se da alcol, sostanze o un mix di entrambi, e ha deciso di chiamare il 118 e la Polfer. Quando i sanitari sono riusciti a ‘rianimare’ i due, uno ha tirato fuori un cutter e ha iniziato a tagliarsi. L’ispettore ha allora tentato di disarmarlo, ed è partita la furia. Per placare i due marocchini, è stato necessario l’intervento di altre quattro pattuglie delle Volanti. Alla fine i due, 23 e 26 anni, sono stati arrestati per violenza e resistenza a pubblico ufficiale. In direttissima, l’udienza è stata rinviata al 5 agosto. E sono già liberi.  "Scommetto un caffè con chiunque – l’ironia amara del deputato della Lega, Gianni Tonelli, segretario nazionale aggiunto del sindacato di polizia Sap – che si presenteranno proprio al processo. È necessario rimettere mano con serietà alla materia: questi episodi accadono perché certe persone, che non hanno nulla da perdere, sanno che le forze dell’ordine, in Italia, sono l’anello debole della catena. Nei loro Paesi mai alzerebbero un dito contro la ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?