Quotidiano Nazionale logo
11 mag 2022

Bologna, ecco Pollicino, l'app per migliorare la mobilità

Il progetto sperimentale registra gli spostamenti urbani di chi l'ha scaricata. Previsti premi per chi parteciperà, ma è polemica dai banchi di FdI

luca orsi
Cronaca
featured image
Valentina Orioli, assessora alla Nuova mobilità

Bologna, 11 maggio 2022 - Si chiama Pollicino il progetto sulla mobilità che Bologna sperimenta per prima in Italia. Grazie alla app IoPollicino, scaricabile gratuitamente, i bolognesi possono partecipare a un'indagine sulla mobilità cittadina. La app registra, in forma anonima, gli spostamenti quotidiani, e le modalità (bus, auto, bici, a piedi). La prima fase, di raccolta dati, avrà una durata di 4-6 settimane e potranno partecipare tutti i cittadini di Bologna con più di 16 anni. Non bisognerà fare altro che scaricare l'app IoPollicino tramite Play Store o Apple Store (susdef.qrd.by/iopollicino) sul proprio telefono e acconsentire al trattamento dei propri dati personali e alla geolocalizzazione del proprio smartphone. L'app per sette giorni registrerà in maniera anonima tutti gli spostamenti quotidiani. Al termine del periodo d'indagine sarà possibile ricevere i premi offerti dai partner del progetto che ne sostengono le finalità. Minuti gratuiti per carsharing e bikesharing, abbonamenti annuali al trasporto pubblico, esperienze sportive, abbonamenti mensili al parcheggio o sconti per beni alimentari e culturali. L'analisi dei dati consentirà al Comune di tarare politiche di mobilità più rispondenti alle reali esigenze dei dei cittadini. "Per migliorare la qualità dei servizi e progettarne di nuovi, più vicini al modo di muoversi delle persone - spiega il sindaco Matteo Lepore - è necessario conoscerne le abitudini". Sono previsti premi per chi parteciperà al progetto: da minuti gratuiti di car sharing ad abbonamenti bus, a sconti in negozi e librerie. La polemica di FdI "Ci preoccupa, e non poco, questa scelta, che ricadrà sui cittadini bolognesi". Lo scrive il gruppo Fdi in Comune a Bologna, con i consiglieri Stefano Cavedagna e Francesco Sassone. Entrambi promettono: "Noi di Fratelli d'Italia ci opporremo con le unghie e con i denti a questo sistema che mina la libertà personale, viola la privacy delle persone e crea un ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?