ALTO RENO TERME di Massimo SElleri Fino a quando vi saranno cumuli di neve davanti ai cassonetti dei rifiuti, Hera non procederà al loro svuotamento. E’ la risposta che ieri alcuni abitanti delle frazioni di Alto Reno Terme hanno ricevuto dagli operatori perché l’immondizia che si era accumulata nei vari raccoglitori non veniva portata nei diversi deposti. Il dialogo è avvenuto nella giornata di martedì e quando è stato fatto notare che non si trattava di...

ALTO RENO TERME

di Massimo SElleri

Fino a quando vi saranno cumuli di neve davanti ai cassonetti dei rifiuti, Hera non procederà al loro svuotamento.

E’ la risposta che ieri alcuni abitanti delle frazioni di Alto Reno Terme hanno ricevuto dagli operatori perché l’immondizia che si era accumulata nei vari raccoglitori non veniva portata nei diversi deposti.

Il dialogo è avvenuto nella giornata di martedì e quando è stato fatto notare che non si trattava di grandi ammassi di neve, ma del riporto dei mezzi che avevano tolto la neve dalla strada per consentire la circolazione delle autovetture.

"Il personale di Hera – hanno spiegato i cittadini – ha comunque ribadito che spetta al Comune liberare e pulire i cassonetti, in quanto ente preposto a mettere il gestore del servizio nelle condizioni di poter operare".

La questione è andata, quindi, sulla scrivania del sindaco Giuseppe Nanni, con la consigliera comunale di minoranza Marta Evangelisti che ha presentato una interrogazione chiedendo che la giunta risponda in forma scritta.

"La situazione ci lascia perplessi .- spiega Evangelisti – perché questo significa che tutte le volte che nevicherà il servizio verrà sospeso se il Comune non rimuoverà la neve davanti cassonetti.

Se così fosse gli abitanti delle frazioni sarebbero molto penalizzati e questo nonostante il loro spirito collaborativo che ha portato a svolgere la raccolta differenziata in modo acquisito e consolidato, agevolando, ovviamente in questo modo il lavoro del gestore, senza però ottenerne mai alcun beneficio in tariffa.

Se a questo dovesse aggiungersi davvero la sospensione del servizio in caso di neve, per le motivazioni addotte, forse davvero vi sarebbe qualcosa di non propriamente legittimo".

Lo stesso sindaco Nanni è rimasto sorpreso per quanto sta accadendo. "Ho chiesto a Hera di sapere quale sia l’effettivo stato delle cose – spiega il primo cittadino di Alto Reno – perché Cosea Ambiente Spa, il gestore precedente del servizio, aveva coinvolto un’altra azienda del territorio quando vi era la necessità di rimuovere la neve.

Il tema portato all’attanzione dalla consigliera Evangelisti è importante – sottolinea il primo cittadino –, perché se effettivamente sarà il Comune a dovere liberare i cassonetti, allora dovremo rivedere anche i termini economici del nostro accordo".