Gradoni protetti da pante e nastri delimita - spazio
Gradoni protetti da pante e nastri delimita - spazio

Bologna, 14 febbraio 2019 - Forse erano studenti in versione ‘maratona sui libri’ prima di un esame, con una manciata di minuti per addentare un panino prima di rimettersi a studiare. Ma anche cittadini e utenti di passaggio colti dalla fame nel cuore della città, la Sala Borsa. A quanto pare in troppi, ultimamente, hanno scelto di banchettare all’ingresso, tanto che in biblioteca sono corsi ai ripari per rendere il consumo di pasti nell’atrio un vero slalom.

Va bene la fame di cultura, insomma, ma meglio non esagerare. E così chi vuole sedersi sui gradoni lungo i corridoi che dalla porta centrale conducono alla piazza coperta, ora è ostacolato da vasi di piante e colonnine con nastri delimita-spazio. Ovviamente si è pensato subito che si trattasse di un modo per disincentivare senza tetto e persone disagiate a sostare nell’area. Ma la direttrice dell’Istituzione Biblioteche, Anna Manfron, spiega in modo diverso questa misura «provvisoria». In troppi «si fermavano a mangiare con ciotole portate da casa».

Una situazione «poco igienica e poco decorosa». In più «era questa la prima cosa che le persone vedevano entrando». Spuntini finiti quindi? In realtà no. Manfron annuncia che stanno «predisponendo una zona ad hoc, uno spazio di sosta» perché «tutti possano avere un luogo per il pranzo al sacco».