Quotidiano Nazionale logo
4 dic 2021

Salvemini, l’ora di memoria e solidarietà

La Camera del lavoro intitola la sala delle riunioni alle dodici vittime della strage. Premiati i protagonisti del concorso artistico sulla fragilità

nicodemo mele
Cronaca
Antonella Raspadori. mentre premia gli studenti della II B-AFM
Antonella Raspadori. mentre premia gli studenti della II B-AFM
Antonella Raspadori. mentre premia gli studenti della II B-AFM

di Nicodemo Mele "Dedicando la sala alle 12 vittime della Strage del Salvemini del 6 dicembre 1990, abbiamo voluto dare un segnale in pianta stabile che quella strage non è solo nella memoria di quanti hanno vissuto quel tragico fatto, ma una vicenda ormai storicizzata di grande insegnamento per le future generazioni". Con queste parole Gianni Monte, responsabile del distretto Reno Lavino Samoggia del sindacato Cgil, ha introdotto ieri mattina l’intitolazione alle Vittime del Salvemini della Sala Riunioni della Camera del Lavoro in via Ronzani a Casalecchio. Subito dopo nella stessa sala sono stati scoperti i tre lavori artistici vincitori del concorso "Diritto alla fragilità". L’iniziativa è una delle tante che a Casalecchio e nei comuni vicini (Zola Predosa e Sasso Marconi) si tengono in questi e nei prossimi per le commemorazioni del 31esimo anniversario della strage del Salvemini. Alla cerimonia nella sede della Cgil c’erano anche Massimo Bosso, sindaco di Casalecchio, Roberto Alutto, presidente dell’Associazione vittime del Salvemini, Marco Pasquini della segreteria provinciale della Cgil e Antonella Raspadori, segretaria provinciale dello Spi-Cgil, il sindacato dei pensionati che ha promosso il concorso. Finite le cerimonie in via Ronzani, i dirigenti della Cgil si sono trasferiti al teatro comunale Laura Betti di Casalecchio per premiare i vincitori del concorso artistico sulla fragilità. In platea c’erano almeno 150 studenti delle seconde classi dei tre istituti superiori che hanno sede a Casalecchio (il Liceo Da Vinci, l’Alberghiero Veronelli e l’Itcs Salvemini), i ragazzi che hanno partecipato al concorso con numerose opere raccolte in un catalogo. I primi a salire sul palcoscenico sono stati Pietro Ulisse Anaclerio, Giacomo Cocchi e Michele Garavelli della II A del liceo Da Vinci, accompagnati dall’insegnante Doriana Russo e la preside Tiziana Tiengo. La loro opera dal titolo "Un qualcosa che manca" è stata premiata con un assegno in buoni ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?