Bologna, 15 novembre 2019 - La carica delle sardine anti-Salvini (video) ha conquistato in piazza Maggiore. Il flash mob (video), partito con un evento su Facebook, ha riscosso un successo ben oltre le aspettative, con circa 10mila persone che hanno invaso il Crescentone come non si vedeva da tempo, unendo in una manifestazione pacifica persone di tutte le età.

La protesta delle sardine in piazza Maggiore (foto Schicchi)

Una risposta civile e ironica al comizio di Salvini e Borgonzoni al PalaDozza e che ha concluso una giornata particolare per Bologna, iniziata sotto il segno della tensione per il corteo degli antagonisti previsto in serata, proseguita con i lenzuoli anti-Salvini fuori dai balconi di alcune strade intorno al PalaDozza e con gli immancabili disagi al traffico, e conclusasi proprio con la pacifica invasione delle sardine. 

Alle 20,30, i partecipanti si sono stretti al centro della piazza ed è calato il silenzio. È stata letta una strofa di ‘Com’è profondo il mare’ di Lucio Dalla e la canzone ha iniziato ad avvolgere la piazza, mentre i manifestanti mostravano i pesci, coloratissimi e di ogni materiale, simbolo della manifestazione. «Visto il successo – hanno detto gli organizzatori –, vogliamo replicare in altre città dell’Emilia-Romagna».

LEGGI ANCHE Sardine anche a Modena lunedì

AGGIORNAMENTI Sardine, chi sono gli organizzatori del flash mob - L'intervista agli ideatori del flash mob - Chi ha scattato la foto simbolo