I gruppi di maggioranza Pd e lista civica ‘Bene in Comune’ di Castel Maggiore hanno approvato in consiglio un documento di indirizzo che impegna la giunta a seguire criteri di riequilibrio di genere nell’intitolazione di vie, piazze, giardini, edifici e luoghi pubblici. "Partendo dal presupposto che la parità di genere è un principio la cui attuazione deve avvenire in tutti i settori – spiega il sindaco Belinda Gottardi –, costituendo quindi una direzione da seguire anche per toponomastica e intitolazioni di edifici, il documento sottolinea che a Castel Maggiore meno del 10% delle strade ricorda figure femminili: è una tendenza da invertire con l’obiettivo di attuare una sensibilizzazione della cittadinanza circa l’importanza, l’apporto e il valore delle donne come coprotagoniste in campo culturale, politico, sociale, scientifico".