La sindaca di Marzabotto: "Sciogliamo i neofascismi". Petizione dopo gli scontri a Roma
La sindaca di Marzabotto: "Sciogliamo i neofascismi". Petizione dopo gli scontri a Roma

Bologna, 10 ottobre 2021 - Una petizione per sciogliere organizzazioni e partiti neofascisti. A lanciarla su Change.org è la presidente del Pd Valentina Cuppi, sindaca di Marzabotto, il paese dell'Appennino bolognese colpito dal grande eccidio nazifascista alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Lo fa all'indomani degli scontri di Roma avvenuti durante la protesta no green pass di ieri.

Manifestazione Roma 16 ottobre, Lunghi: "Da Bologna sabato partiamo in 6mila"

Assalto Cgil Roma: arrestato anche il ristoratore modenese Biagio Passaro

"I fatti di Roma sono solamente l'ultima goccia. È ora di dire basta alla violenza squadrista e fascista. Un basta definitivo. È ora, come già richiesto dall'Anpi nell'appello 'Mai più fascismì, di sciogliere Forza Nuova, CasaPound, Lealtà Azione, Fiamma Tricolore e tutti i partiti e movimenti che si rifanno alle idee e alle pratiche del fascismo", scrive Cuppi.

"È ora - scrive la sindaca di Marzabotto - di sostenere le iniziative parlamentari finalizzate a bandire le organizzazioni neofasciste di estrema destra. È ora, insomma, di fare semplicemente questo: di applicare la Costituzione e la legge contro chi dalla legge è fuori da sempre", continua. La petizione in poco tempo ha quasi raggiunto le cinquemila firme. "La sostiene e la firma anche il sindaco di Stazzema, Maurizio Verona, che come me che sono sindaca di Marzabotto qualcosa sull'orrore nazifascista la sa", prosegue Cuppi.

Bonaccini: "Forza Nuova va sciolta una volta per tutte"

Il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini sottolinea "la risposta bella e pacifica" oggi nelle manifestazioni davanti alle sedi della Cgil in regione e in tutto il Paese. "Partecipazione e dialogo contrapposti alla violenza e agli assalti squadristi. Lo ribadisco: Forza Nuova e tutti le organizzazioni di matrice fascista vanno sciolte una volta per tutte", aggiunge il governatore.

A Bologna in duemila erano presenti questa mattina davanti alla Cgil in via Marconi tra attivisti, delegati sindacali e cittadini per portare solidarietà dopo l'assalto alla sede nazionale del sindacato a Roma (video) nel corso della manifestazione dei No Green Pass di ieri (video).