Il banchetto della lista civica Dimmi che ha lanciato il sondaggio
Il banchetto della lista civica Dimmi che ha lanciato il sondaggio
di Nicodemo Mele "Quale collocazione ritieni sia la migliore per la costruzione delle nuove scuole?". Segue la scelta di una delle tre risposte suggerite. Due risposte (un Sì o un No), invece, per queste due domande: "Sei favorevole a limitare la sosta e la circolazione delle auto in centro come previsto dal Comune?" e "Sei stato sufficientemente informato e coinvolto dal Comune sulle scelte di questo progetto?". Infine, la richiesta di un’ampia descrizione di un progetto che hanno in testa molti cittadini,...

di Nicodemo Mele

"Quale collocazione ritieni sia la migliore per la costruzione delle nuove scuole?". Segue la scelta di una delle tre risposte suggerite. Due risposte (un Sì o un No), invece, per queste due domande: "Sei favorevole a limitare la sosta e la circolazione delle auto in centro come previsto dal Comune?" e "Sei stato sufficientemente informato e coinvolto dal Comune sulle scelte di questo progetto?". Infine, la richiesta di un’ampia descrizione di un progetto che hanno in testa molti cittadini, contenuta in questa domanda: "Come ridisegneresti la viabilità e i parcheggi del centro storico di Sasso Marconi?".

Questi semplici quesiti, stesi in una paginetta, stanno appassionando gli abitanti della cittadina dell’inventore della radio. È il sondaggio che, con il titolo "Parcheggi, scuole e viabilità: quale futuro?", è stato lanciato qualche giorno fa dalla lista civica Dimmi che in Consiglio comunale a Sasso esprime l’opposizione.

Un sondaggio che viene sottoposto ai sassesi ai banchetti allestiti il martedì durante il mercato settimanale, in altre piazze della città e anche sul web (sul sito https:www.sondaggio-online.comsff7f2a2) dove ogni persona può partecipare in forma anonima e lontana da occhi indiscreti.

"Stiamo riscontrando – rivela Marco Mastacchi, capogruppo di Dimmi – molta partecipazione al sondaggio e c’è molta aspettativa sui risultati". Perché? "Il progetto Nuove Scuole della Giunta comunale – risponde Mastacchi – avrà un impatto fortissimo sulla viabilità. Non c’è chiarezza sulla proposta di pedonalizzazioni, non si sa come saranno recuperate le centinaia di posti auto che spariranno. Tutto il mondo del commercio del centro di Sasso è in subbuglio. A rischio anche la tenuta del mercato settimanale".

I civici di Dimmi vogliono che i sassesi si esprimano anche sul futuro delle scuole. "Per me – afferma il consigliere Achille Chillari – si dovrebbero fare nei capannoni dell’ex Metalplast, come deciso qualche anno fa". E Mastacchi aggiunge: "Le nuove scuole si possono realizzare restaurando o demolendo e ricostruendo quelle esistenti. Ma, comunque, sempre dopo aver sentito i cittadini".

"Il progetto delle Nuove Scuole – contrattacca Roberto Parmeggiani, sindaco di Sasso – sarà steso assieme a quello sulla mobilità urbana. Quest’ultimo sarà ultimato entro l’anno, prima che la progettazione delle Nuove Scuole diventi definitiva. Vogliamo che i due percorsi progettuali siano integrati e i nuovi edifici scolastici possano armonizzarsi con il sistema di viabilità del capoluogo e inserirsi nel modo più funzionale possibile all’interno del contesto urbano".