Bologna, 9 ottobre 2018 - Le domeniche (super) ecologiche di Palazzo d’Accursio hanno fatto breccia anche in Regione. Quasi una merce di scambio, visto che per arretrare e tornare a far circolare i diesel euro 4 ci vogliono dei puntelli d’equilibrio. Va bene lo stop dopo 3 giorni consecutivi di sforamenti di pm10, ma le città hanno bisogno di un qualcosa di più culturale, certe svolte sono solo rimandate. Ed ecco che quelle 6 domeniche che a Bologna hanno già accesso elettrici dibattiti, proprio perché saranno solcate solo da mezzi elettrici (salvo deroghe), la prima il 28 ottobre prossimo, potrebbero essere prese da canovaccio ed esportate. Ma come si fa a imporle ad altri 29 Comuni, quelli che hanno aderito al Pair? Impossibile. Ma un punto d’incontro si cercherà, e Bologna forse potrebbe cedere qualcosa. Come circoscrivere l’obbligo della circolazione dei soli mezzi elettrici alla cerchia delle porte cittadine.

AGGIORNAMENTO Domeniche ecologiche temporaneamente sospese

LEGGI ANCHE Smog Emilia Romagna, la Regione ritira il blocco dei diesel euro 4

Esistono altre limitazioni nei giorni feriali?

Se ne parlerà, del resto ieri Stefano Bonaccini (VIDEO), nell’annunciare il ripensamento sugli Euro 4, l’ha detto chiaramente: «Ci saranno più domeniche ecologiche, concorderemo come gestirle tutti insieme». Una prima ipotesi è di tornare al divieto agli Euro 4 solo di domenica. Merola, dal canto suo, ieri ha giocato all’attacco, prendendo la parola a inizio riunione, ribaltando alcune prospettive, come quella della semplice deroga del filtro antiparticolato. Torniamo indietro, non ci capiscono i cittadini se blocchiamo i diesel e le altre Regioni confinanti non lo fanno. Ma ragioniamo su accorgimenti, ha proposto il sindaco, pensando alle domeniche.

LEGGI ANCHE Smog Bologna, la deroga per i ribelli. I diesel Euro 4 potranno circolare

La limitazione delle elettriche alla sola cerchia muraria potrebbe essere un’opzione, ma l’accorgimento potrebbe riguardare in alternativa altri spazi, si vedrà. Di sicuro, per mettere d’accordo tutti Bologna dovrà cedere qualcosa. L’ordinanza comunque sarà modificata. «L’incontro ha permesso di arrivare a una diversa e più razionale definizione dei provvedimenti antismog mantenendo una forte attenzione alla salute dei cittadini» ha detto Merola. Per le modifiche la prima sede utile sarà quella del prossimo summit dell’Anci.