GABRIELE MIGNARDI
Cronaca

Strage sulle strade, terzo morto in 24 ore

Tragico scontro a Riale. Marco Minardi, 61 anni, di Monte San Pietro, si è schiantato con la sua moto contro un’auto

In grande: i soccorsi a Riale sul luogo dello scontro mortale. Nel riquadro: la vittima Marco Minardi, 61 anni, di Monte San Pietro

In grande: i soccorsi a Riale sul luogo dello scontro mortale. Nel riquadro: la vittima Marco Minardi, 61 anni, di Monte San Pietro

Bologna, 9 luglio 2024 – È un motociclista di 61 anni, Marco Minardi, residente a Monte San Pietro, la vittima dell’incidente stradale accaduto ieri mattina a ridosso del centro abitato di Zola Predosa. Uno schianto avvenuto poco dopo le 11 in via Risorgimento, nel tratto tra il capoluogo e la frazione di Riale, in coincidenza con l’intersezione con via Pirandello.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti lo scontro tra Minardi, in sella alla sua Honda 125, e la Fiat 500 a motore elettrico guidata da una 31enne che da Riale procedeva in direzione Pilastrino, è avvenuto in corrispondenza dell’imbocco con la via Pirandello. La Fiat 500 già ferma al centro della carreggiata in attesa di potere svoltare a sinistra, si è scontrata con la moto. Un impatto violento che ha visto soccombere il centauro che ha impattato con le lamiere dell’auto per poi fermare la sua tragica traiettoria contro il cordolo del marciapiede.

Approfondisci:

Frontale sulla Porrettana a Silla. Addio allo steward della Cremonese

Frontale sulla Porrettana a Silla. Addio allo steward della Cremonese

Prima di fermarsi con le ruote anteriori sul marciapiede, la Fiat 500 ha travolto la vittima. Tanto che per estrarre il corpo senza vita del centauro è stato necessario l’intervento dei Vigili del fuoco che hanno ribaltato il mezzo. La conducente dell’auto ha riportato ferite e contusioni ed è stata trasportata al Pronto Soccorso del Maggiore. Per l’uomo però non c’era più niente da fare e i sanitari del 118 non hanno potuto che constatarne il decesso.

Marco Minardi lavorava nello stabilimento della Viro, a poche centinaia di metri dal luogo dell’incidente. Lascia la moglie e due figlie. Sul posto nell’immediatezza sono arrivati i carabinieri della stazione di Zola Predosa e gli agenti della polizia locale Reno Lavino. I militari hanno subito garantito le migliori condizioni per le operazioni di soccorso, mentre gli agenti della polizia locale hanno chiuso la strada e deviato il traffico sulla viabilità alternativa.

Su disposizione dell’autorità giudiziaria i carabinieri hanno posto sotto sequestro i mezzi coinvolti. Hanno poi rilevato lo stato del teatro della tragedia e raccolto le testimonianze dei presenti e degli altri automobilisti che erano in coda in attesa della svolta della Fiat 500. Questo altro incidente mortale arriva a meno di 48 ore da altri due decessi sulle strade del bolognese. Nella notte tra sabato e domenica scorsa era toccato ad un altro motociclista perdere la vita in viale Pertini a Bologna. Domenica sera a Gaggio Montano un 49enne è morto nello scontro tra due automobili.