Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
30 giu 2022
30 giu 2022

Stroncato da un’overdose in casa a 26 anni

Il corpo del ragazzo trovato dalla polizia l’altra sera in via dei Mille. A dare l’allarme era stata un’amica, preoccupata nel non sentirlo

30 giu 2022
Nell’abitazione è arrivata la polizia
Nell’abitazione è arrivata la polizia
Nell’abitazione è arrivata la polizia
Nell’abitazione è arrivata la polizia
Nell’abitazione è arrivata la polizia
Nell’abitazione è arrivata la polizia

È stata un’amica, che non riusciva a mettersi in contatto con lui, a dare l’allarme alla polizia. È stato in questo modo che, l’altra sera, è stato scoperto il corpo, ormai senza vita, di un ragazzo di 26 anni. Il giovane che, stando a quanto riscontrato dalla polizia, aveva una dipendenza da droghe, in particolare ketamina e anfetamine che assumeva quotidianamente, era all’interno del suo appartamento in via dei Mille. La richiesta di aiuto al 113 è arrivata l’altra sera, intorno alle 20. Quando gli agenti delle volanti sono entrari nell’abitazione del centro, hanno trovato il ventiseienne disteso sul divano, già morto, forse da ore. Il ragazzo viveva in casa da solo e probabilmente era solo anche quando si è sentito male. L’amica, che aveva anche un secondo mazzo di chiavi dell’appartamento, ha detto che si era preoccupata non sentendo il ragazzo, dopo aver provato più volte a mettersi in contatto con lui senza ottenere risposta.

Sul posto, dopo il ritrovamento del corpo, è intervenuto anche il medico legale, per la ricognizione cadaverica. L’ipotesi è che il ragazzo sia stato stroncato da un’overdose o da un malore, comunque legato all’assunzione massiccia di stupefacenti. Nell’abitazione la Scientifica ha infatti trovato e sequestrato diverse sostanze. Un caso purtroppo chiaro, tanto che non è stata neppure disposta l’autopsia sul corpo del ventiseienne, che si va ad aggiungere agli altri episodi di overdose o morte comunque legati all’uso di droghe avvenuti in città in quest’ultimo periodo.

Il caso più recente risale allo scorso 6 giugno, quando un turista svizzero è stato trovato senza vita nella stanza del b&b di lusso dove soggiornava da qualche giorno con un gruppo di amici in via Nazario Sauro. Una morte, stando a quanto emerso dalle indagini, legata all’abuso di cocaina: su quell’episodio indaga la Squadra mobile, per cercare di individuare dove avesse comprato la sostanza il trentunenne e chi gliela avesse venduta. Infinee, lo scorso 29 marzo, nel corso di 12 ore, altre due persone erano morte per overdose: un quarantottenne appena uscito dal carcere era stato trovato senza vita dalla polizia al parco della Montagnola; e uno spacciatore di 30 anni, stroncato all’interno di un’abitazione di via Fioravanti, in Bolognina, la sera dello stesso giorno, fatto su cui sono intervenuti i carabinieri.

Nicoletta Tempera

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?