La pagina d’accesso a Facebook
La pagina d’accesso a Facebook

Bologna, 29 agosto 2017 - “Io vi chiedo scusa, perdonatemi. La verità è che tutti attaccano gli immigrati”. È questo il secondo messaggio pubblicato, e subito cancellato, da Abid Jee, autore del commento apparso domenica sull’articolo pubblicato da il Resto del Carlino in merito alle violenze subite a Rimini dalla coppia di turisti polacchi. Un tentativo di scuse approssimativo, probabile conseguenza della bufera di commenti che immediatamente ha cominciato a scatenarsi e ha spinto il 24enne (stando a quanto riportato sul suo profilo, ndr) a un nuovo intervento.

La coop: "E' nostro dipendente, lo abbiamo sospeso"

Il secondo messaggio era stato pubblicato qualche ora dopo il primo, quando gli utenti avevano già cominciato a dar vita alla gogna mediatica, tra insulti e sproloqui. Abid Jee aveva quindi deciso di tornare sull’argomento, prima però di rimuovere entrambi i contenuti. Ma non solo: l’autore dei due commenti ha eliminato gran parte dei post pubblicati sulla propria bacheca, ‘oscurandola’, e ha cambiato l’immagine del profilo, nel tentativo di confondersi con la moltitudine di profili omonimi e di scampare agli attacchi del popolo della rete.

Un tentativo vano, perché gli utenti hanno continuato in ogni caso a prendere di mira la pagina, anche senza l’assoluta certezza che si trattasse di quella giusta. Il clima d’odio divampato sulle pagine del social network non è diminuito neanche per un secondo: più di 600 i commenti (alcuni davvero irripetibili) apparsi in pochissime ore sotto l’immagine di copertina di Abid Jee, l’unico spazio dove gli utenti hanno potuto continuare a pubblicare contenuti, chiedendo il conto delle dichiarazioni rilasciate nella tarda mattinata di domenica.

Il commento di Valerio Baroncini - L'imbecille e la violenza sui social