Svastiche sul portone del liceo classico Minghetti in via Nazario Sauro (Foto Dire)
Svastiche sul portone del liceo classico Minghetti in via Nazario Sauro (Foto Dire)

 Bologna, 12 gennaio 2019 -  Svastiche sul muro e sul portone. Così si presentava questa mattina l'ingresso del liceo Minghetti di Bologna. A denunciarlo, con tanto di foto pubblicata su Facebook, i rappresentanti d'istituto. "Stamattina, dopo la notte del classico, il portone della sede era ridotto come vedete nella foto - riferiscono gli studenti del collettivo Minghetti - svastiche fatte a gesso, spuntate nella notte, senza che nessuno ne sapesse nulla".

I rappresentanti d'istituto aggiungono: "Non siamo interessati ad aprire una caccia alle streghe per cercare i chi, i come, i quando". Lanciano però la sfida agli autori del gesto. "Il 25 e il 26 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria - spiega il collettivo - avrà luogo al Minghetti un'assemblea d'istituto particolare, in collaborazione tra studenti, professori e ospiti esterni, incentrata non solo sul ricordo di ciò che furono la Shoah e le conseguenze dell'ideologia nazista, ma anche sull'importanza odierna della Resistenza e del ricordo. Invitiamo calorosamente gli autori di questo gesto a presentarsi a queste due giornate. A sentire in prima persona che cosa fu e a cosa portò il simbolo che con tanta leggerezza avete disegnato sul nostro liceo. E dopo, ne siamo sicuri, vi vergognerete così tanto da essere voi i primi a volerli vedere sparire". 

Le scritte, riferiscono ancora i rappresentanti d'istituto, "sono state cancellate immediatamente, ma ciò non toglie al fatto la sua gravità. La storia ci insegna che purtroppo tende a ripetersi assai velocemente. Non abbiamo il diritto di dimenticare e di lasciar passare episodi di questo tipo. Sdegnamoci, scuotiamo la testa ma poi rimbocchiamoci le maniche e difendiamo i nostri luoghi da qualsiasi accenno di ideologie che minacciano la libertà e la diversità dell'individuo".

Proprio ieri sera, sottolineano, "gli studenti del collettivo Minghetti, insieme con quelli della città tutta, hanno appeso uno striscione riportante una frase di Antonio Gramsci: 'Istruitevi, perché  avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza'. Invitiamo tutti gli studenti e le studentesse a una riflessione collettiva, sull'importanza di una riflessione e di una resistenza costante a chi si arroga il diritto di sputare sulla dignità umana".