Bologna: svegliato dal gospel, vandalizza la chiesa

Moldavo denunciato per avere danneggiato la sala della comunità evangelica: la messa cantata della domenica mattina lo disturbava

Pubblicato il 27 settembre 2022 , di ZOE PEDERZINI
Sono intervenuti i carabinieri
Sono intervenuti i carabinieri
Pianoro (Bologna), 27 settembre 2022 - Spacca la vetrata e il portone d’ingresso del capannone dove, a Pianoro, in via Verdi, ha sede una nota comunità evangelica, la Omega Fire Ministry. Non pago, danneggia l’auto del responsabile della comunità religiosa, un nigeriano di 44 anni che risiede ad Alto Reno...

Pianoro (Bologna), 27 settembre 2022 - Spacca la vetrata e il portone d’ingresso del capannone dove, a Pianoro, in via Verdi, ha sede una nota comunità evangelica, la Omega Fire Ministry. Non pago, danneggia l’auto del responsabile della comunità religiosa, un nigeriano di 44 anni che risiede ad Alto Reno Terme. A finire nei guai, denunciato per danneggiamento, un 30enne di origine moldava, con vari precedenti di polizia, e residente proprio nei pressi del capannone di via Verdi. Trattandosi di una chiesa ed associazione evangelica le messe, quelle della domenica mattina, erano celebrate in forma ‘gospel’, ovvero funzioni accompagnate anche da strumenti musicali e cori. Il 30enne si era più volte lamentato con il responsabile della comunità per la musica, a suo dire ‘assordante’, che proveniva dal capannone e che, alla domenica mattina, interrompeva il sonno del 30enne che, invece, avrebbe voluto continuare a dormire.

La ruggine fra le due parti è durata per un po’, con il susseguirsi di svariati battibecchi. Fino al giorno clou, il 29 agosto scorso, quando il 44enne nigeriano ha trovato il portone e una vetrata del capannone, oltre alla fiancata della propria auto, vandalizzati. L’uomo è allora andato a fare denuncia alla stazione dei carabinieri di Pianoro, che hanno subito iniziato le indagini per risalire al responsabile. Grazie ad alcuni testimoni chiave che hanno assistito ai vandalismi i militari sono riusciti in poco tempo a risalire al responsabile, il 30enne moldavo già noto. Lo hanno, dunque, convocato in caserma e denunciato per danneggiamento.

Il tuo indirizzo email non è stato ancora confermato. Controlla la tua email e segui le istruzioni.

Se non hai ricevuto email, controlla nello spam.

Una volta confermata la tua email, clicca qui per continuare a leggere: