Anche con il Coronavirus i lettori non mancano e i clienti della libreria Biblion di Granarolo scelgono i libri che parlano di pandemia o puntano sui gialli. La titolare Paola Saoncella racconta: "Prima dell’ultimo decreto la libreria era chiusa. Ci siamo organizzati per le consegne a domicilio entro il Comune di Granarolo e con le spedizioni fuori Comune attraverso la rete #Libridaasporto, recapitando senza spese in tutta Italia. Il servizio ha funzionato bene, consentendoci di lavorare un po’ e soprattutto di tenere il contatto con i nostri lettori". Dopo il decreto, Saoncella ha valutato che un’apertura totale sarebbe poco sicura: "Una libreria è un luogo d’incontro, sarebbe impossibile sanificare adeguatamente i local: continuiamo le consegne e le spedizioni e restiamo a disposizione in alcune fasce del giorno in cui i clienti che hanno ordinato possono venire a ritirare, evitando contatti".

Matteo Radogna