Inaugurata ieri mattina, in via Sbaraglia levante, nel centro storico di Crevalcore, l’Ad Modum R&D, un’azienda tutta al femminile, visto che impiega tre donne con competenze tecniche, e che svolge attività di ricerca e sviluppo di dispositivi medici. Al taglio del nastro (nella foto) i sindaci di Crevalcore Marco Martelli e di Sant’Agata Beppe Vicinelli, Emma Monfredini assessore comunale alla sanità, Raffaele Donini, assessore...

Inaugurata ieri mattina, in via Sbaraglia levante, nel centro storico di Crevalcore, l’Ad Modum R&D, un’azienda tutta al femminile, visto che impiega tre donne con competenze tecniche, e che svolge attività di ricerca e sviluppo di dispositivi medici.

Al taglio del nastro (nella foto) i sindaci di Crevalcore Marco Martelli e di Sant’Agata Beppe Vicinelli, Emma Monfredini assessore comunale alla sanità, Raffaele Donini, assessore regionale alla Sanità, Michele Facci, consigliere regionale della Lega e la titolare dell’azienda Annalisa Delnevo. "La Ad Modum R&D – ha detto Donini – è stata creata grazie anche a un contributo finanziario della Regione dedicato alla rinascita dei centri storici". "Siamo un supporto – ha spiegato Delnevo – per le startup e multinazionali che vogliano sviluppare, certificare e lanciare nuove tecnologie biomedicali, un punto di partenza quindi necessario per fare crescere in maniera ipertecnologica lo sviluppo del territorio crevalcorese. Una boccata d’aria nuova in un momento difficile per tutti, un’impresa al femminile, che grazie ai bandi regionali da oggi inizia il suo percorso". E ha continuato: "Forniamo servizi di ricerca, come risolvere problemi su prodotti con soluzioni nuove e brevettabili. Siamo in grado di sviluppare idee arrivando sino al prodotto biomedicale certificato, che può quindi essere venduto sul mercato". Ma non solo, perché questa azienda, grazie alla competenza professionale più che ventennale delle tre donne che la compongono, è in grado di organizzare corsi formativi per giovani che vogliano acquisire le competenze tecniche necessarie del settore.

"Siamo contenti – ha aggiunto Martelli – di questa nuova attività innovativa che si è insediata nel nostro territorio. E’ un’azienda tutta al femminile e l’ufficio dove ha sede è stato attrezzato e riqualificato grazie a un bando regionale appunto sulla riqualificazione dei centri storici dopo il sisma del 2012. E cioè quei fondi concessi dalla Regione per permettere la ripartenza delle attività produttive. Questa inaugurazione è certamente un segnale positivo e indica come il nostro Comune stia puntando allo sviluppo tecnologico e alla ricerca".

Pier Luigi Trombetta