La polizia ha arrestato l’aggressore
La polizia ha arrestato l’aggressore

Bologna, 24 marzo 2020 - La convivenza tra coinquilini è spesso complessa. E quando è forzata, rischia di diventare ‘esplosiva’. Come ieri sera, quando le volanti del Santa Viola, del Bolognina e della Questura sono intervenute in un appartamento in via Salgari, al Pilastro, dove un trentaduenne cosentino stava tentando di accoltellare un coinquilino, uno studente di 26 anni libanese, per motivi legati alla pulizia della casa e all'igiene personale.

Le tensioni tra i due erano iniziate la mattina: i due avevano discusso, ma la questione era poi rientrata. In serata, intorno alle 22,30, però, la lite si è riaccesa. Il calabrese ha iniziato a provocare lo studente che, per evitare ulteriori problemi, si è chiuso in camera. A quel punto, il trentaduenne ha cominciato a bussare con violenza contro la porta della stanza, impugnando un grosso coltello da cucina.

E quando l’altro, stremato, ha aperto, gli si è lanciato contro, tentando di colpirlo al petto, alla pancia e al collo. Il peggio è stato evitato solo grazie all’intervento di un altro coinquilino che si è frapposto tra la vittima e l’aggressore, ferendosi così a una mano. L’altro, intanto, aveva chiamato la polizia. Gli agenti sono riusciti a disarmare il cosentino e, dopo aver sequestrato il coltello, lo hanno arrestato per tentato omicidio.