Manifestazione contro la violenza sulle donne
Manifestazione contro la violenza sulle donne

Bologna, 17 gennaio 2018 - L’aggressore di via Bassa dei Sassi si chiama Jamel Moamib. E per chi ha memoria di fatti di cronaca bolognese, questo non è un nome qualsiasi. Perché il tunisino, che sia trentunenne o quarantunenne come si definisce, a caso, a ogni arresto, cercando di confondere le acque sulla sua identità, è lo stesso che, nel febbraio del 2009, ha stuprato una ragazzina di 15 anni, picchiandola fino a romperle il naso. Lo ha fatto in via Mattei, a pochi metri dalla strada dove, lunedì mattina, ha tentato di violentare una quarantaduenne romena. Moamib era stato condannato a sei anni e sei mesi (con rito abbraviato e relativo sconto di un terzo della pena) per quella violenza brutale. E, nella sentenza, era stata decretata dal giudice anche l’espulsione del tunisino, clandestino.

Invece lo stupratore era ancora a Bologna. E, a ottobre scorso, era pure stato arrestato per spaccio. Poi, come capita quando mancano le aggravanti, dalla direttissima era uscito con un obbligo di firma. E ancora, nessuna espulsione. Sembra una barzelletta, se non fosse drammatica, la vicenda giudiziaria di questo nordafricano senza fissa dimora né un briciolo di umanità. Perché basta andare a ritroso nel tempo, per capire che la storia, nove anni dopo, si è ripetuta uguale.

Andiamo per ordine. La storia criminale di Jamel Moamib a Bologna inizia il 6 luglio 2008, quando viene fermato perché trovato senza documenti e gli viene notificato un ordine di allontanamento. Il 28 luglio, il tunisino viene arrestato e fornisce un altro alias: dalle impronte risulta già espuso (ma il provvedimento, del 7 maggio, non era stato eseguito perché l’uomo si era allontanato dal Cie di Caltanissetta, prima della notifica). Viene emesso un secondo ordine di espulsione, ma anche questo non viene eseguito. Infatti, il 6 agosto del 2008 viene arrestato dalla Squadra mobile per spaccio di eroina in zona San Vitale. A seguito di quell’arresto, il tunisino doveva finalmente essere cacciato dall’Italia.

Eppure ciò non accade: a causa delle difficoltà legate ai suoi tantissimi nomi falsi, le autorità del paese d’origine ne rifiutano il rimpatrio. E così, decorso il termine di 60 giorni a quello che allora, in via Mattei, era un Cie, Moamib viene scarcerato. È il 15 gennaio del 2009. Quel giorno la sua giovanissima vittima compiva quindici anni. I loro destini, però, si sono incrociati tragicamente un mese dopo, la sera del 14 febbraio.

In un film che si ripete tale e quale, Moamib allora aveva afferrato la ragazzina per un braccio, trascinandola in una zona isolata di via Mattei. Per non farla urlare, l’aveva picchiata, fino a romperle il naso. Poi si era avventato su di lei, con la violenza di una bestia. Prima di stuprarla, si era infilato un preservativo. Era stato un vicino di casa della vittima ad accorgersi della brutalità in atto e chiamare la polizia. Come l’altro giorno, a parte il vicino di casa, nessuno si era fermato per soccorrere la ragazzina. Quando gli agenti erano arrivati, un poliziotto si era dovuto avventare su Moamib perché lasciasse la ragazza. Dopo, il magrebino aveva aggredito i poliziotti e aveva improvvisato inutili atti di autolesionismo nelle camere di sicurezza della Questura. Lo stesso atteggiamento aggressivo tenuto l’altro giorno.

Quella violenza orribile aveva scosso la città e l’eco era arrivato a Roma, da dove l’allora ministro dell’Interno Angelino Alfano aveva inviato gli ispettori per capire come mai Moamib fosse ancora qua. E oggi, la storia si ripete. Il pm Enrico Cieri ha già chiesto la convalida dell’arresto effettuato dalle Volanti con le accuse di tentato sequestro di persona e tentata violenza sessuale e il giudice fisserà l’udienza entro 48 ore.