La foto postata su Twitter
La foto postata su Twitter

Bologna, 18 gennaio, 2020 – "Ragazzi vi posto questa mia foto in un’operazione svolta proprio in quel di Bologna dove tra sardine, centri sociali, tossici e popolazione poco collaborativa non è proprio una passeggiata di salute. Vi abbraccio Amici". E’ il testo del cinguettio corredato dalla foto di un agente in servizio alla Questura di Bologna. L’immagine ritrae il poliziotto con il distintivo al collo e la pistola in mano. La faccia non si vede, è tagliata. La foto è scattata da un collega, che si intravede riflesso in uno specchio dietro, anche lui con il distintivo al collo, probabilmente in un ufficio, con un vecchio monitor di un computer appoggiato su una scrivania. 

Sulla faccenda, la Digos e la Polizia postale stanno lavorando per capire se quel post e il profilo siano effettivamente riconducibili all’agente o se si tratti di un ‘furto’ di foto o peggio di identità social. "Stiamo svolgendo tutti gli accertamenti necessari a capire se sia stato un poliziotto a pubblicare il tweet e se quel profilo sia vero", ha spiegato il questore Gianfranco Bernabei. "Ci sono circolari recenti del capo della polizia – prosegue – che danno indicazioni precise sull’utilizzo moderato dei social". Qualora emergano responsabilità chiare, il poliziotto potrebbe incorrere in un provvedimento disciplinare

In serata è stato poi lo stesso poliziotto ritratto nella foto a smentire l’autenticità del tweet: "Sono io l’agente della foto, ma non è mio né l’account né il tweet", ha detto quando ha presentato a sua volta denuncia alla polizia postale, spiegando anche che la foto risale a più di vent’anni fa.

Il profilo dove è comparso il tweet è di Claudio80. E la foto è stata subito commentata da centinaia di utenti: la maggior parte critici. Anche il deputato Pd Andrea De Maria è intervenuto: "Giusto si facciano tutte le opportune verifiche e, se necessario e opportuno, che chi ne ha la responsabilità assuma opportune iniziative sul piano disciplinare. Il ruolo di garanti per la sicurezza di tutti richiede particolare equilibrio e attenzione".