Vaccinazioni a Rioveggio
Vaccinazioni a Rioveggio

Bologna, 12 aprile 2021 - Al via oggi le prenotazioni per il vaccino anti Covid della fascia d’età 70-74 anni. L’Ausl gioca d’anticipo e "già questa mattina a Crevalcore sarà offerta la profilassi a 300 persone, mentre altre 600 saranno immunizzate nel pomeriggio a Bologna, alla Fiera", spiega Paolo Pandolfi, direttore del Dipartimento di sanità pubblica dell’Azienda.

Vaccino, Roti (Ausl): "Monodose a chi assiste i fragili" - Vaccino, Donini: "Monodose? Arma in più. E a fine maggio nelle aziende"

Alcuni, però, mostrano perplessità sul farmaco che sarà utilizzato: AstraZeneca. "Che cosa accade se si rinuncia? Queste persone perdono un’opportunità – risponde Pandolfi –. Dev’essere chiaro che il vaccino non si sceglie, non è un farmaco da banco, viene indicato e offerto da medici esperti, con una formazione specifica. Abbiamo l’indicazione di utilizzare AstraZeneca prevalentemente per gli over 60, ma sotto i 60 anni il prodotto non è controindicato, tanto è vero che si continua a fare la seconda dose. Ma se un insegnante con meno di 60 anni è diabetico, faccio un esempio, allora si usa Pfizer con cui stiamo vaccinando gli over 80, per loro termineremo le seconde dosi a inizio maggio, e i vulnerabili".

Il focus Coronavirus, il bollettino dell'Emilia Romagna

Finora, i medici di famiglia hanno vaccinato con il prodotto anglo-svedese il personale scolastico. Come proseguirà? "Tra i nostri assistiti notiamo molte incertezze. Per la prima dose proporremo ancora AstraZeneca agli over 60 – osserva Maurizio Camanzi, segretario provinciale Fimmg –, mentre per la seconda attendiamo indicazioni". E l’applicazione dell’ordinanza del generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Covid, che verte anche sull’utilizzo di AstraZeneca, sarà probabilmente uno dei punti che saranno affrontati oggi durante l’incontro tra le Aziende sanitarie e la Regione.

Il punto Zona arancione: regole e cosa si può fare

Buone notizie dai contagi: diminuiscono i nuovi positivi, scesi da 346 a 234, mentre è stabile il numero dei ricoveri nelle terapie intensive: 85. Purtroppo, sono morti altri 8 anziani, tra cui tre donne, dai 74 ai 99 anni. "L’Rt è a 0,68 e il tasso di incidenza settimanale è sotto 200 casi ogni 100mila abitanti, quindi la situazione sta migliorando – precisa Pandolfi –, ma abbiamo ancora 1.200 focolai, in maggioranza familiari. Da oggi entriamo in zona arancione, ma attenzione, perché non vuol dire ’tana libera tutti’, ma continuare a rispettare le regole. Abbiamo visto che cosa è accaduto alla Sardegna". E a Rioveggio, nel Comune di Monzuno, ieri si sono concluse le vaccinazioni degli over 80, "una grande giornata", sottolinea il sindaco Bruno Pasquini, mentre oggi a Monghidoro proseguono le seconde dosi nella sede del Municipio, dove nei giorni scorsi durante una seduta erano presenti anche il sindaco Barbara Panzacchi e Paolo Bordon, dg dell’Ausl.