Quotidiano Nazionale logo
10 mag 2022

"Vertice per la pace in Ucraina Monte Sole lo può ospitare"

Un vertice diplomatico per cercare la fine del conflitto in Ucraina a Monte Sole, luogo della più grande strage nazifascista del dopoguerra. La ‘sede’, assieme alle sue competenze, la offre il Comitato per le onoranze funebri ai caduti di Marzabotto, diffondendo un appello a intensificare l’azione di pace. "Siamo città e luogo simbolo di pace – dice Valter Cardi, presidente del Comitato – potremmo ospitare un vertice che accolga qui tutta la diplomazia necessaria a discutere di come fermare il conflitto, compresi i russi". Il Comitato chiede che "si costituisca rapidamente un Gruppo di Contatto europeo" che intraprenda la via diplomatica del cessate il fuoco. "Noi condanniamo l’invasione dell’Ucraina ma vogliamo che si cessi immediatamente il fuoco, che si interrompa il ricorso alle armi e si avvii un confronto diplmatico", sintetizza Cardi.

E l’idea di un summit per la pace a Monte Sole convince subito anche il sindaco Matteo Lepore: "Tutto quello che può essere messo a disposizione della pace credo vada portato avanti – ha detto –. In questo momento bisogna guardare a questa nuova fase che il 9 maggio si apre e credo che i leader europei dovrebbero andare prima a Kiev e poi a Mosca, come propone Enrico Letta, e poi trovare un luogo dove firmare un accordo di pace. Noi mettiamo a disposizione Marzabotto", ribadisce. "L’aggressione russa all’Ucraina sta provocando indicibili sofferenze e rischi gravissimi di estensione del conflitto – il commento del deputato dem Andrea De Maria –. Nella chiarezza della condanna della invasione russa l’Italia operi per la Pace". Intanto, nel pomeriggio di ieri, in piazza dell’Unità si è tenuta una manifestazione per la pace (nella foto).

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?