Vie Mengoli e Laura Bassi. Ciclabili, in 600 dicono no

Le firme raccolte dal comitato ’Bologna vuole vivere’ in una sola settimana "Il traffico è congestionato, guidare l’auto in queste strade è impossibile" .

Vie Mengoli e Laura Bassi. Ciclabili, in 600 dicono no

Vie Mengoli e Laura Bassi. Ciclabili, in 600 dicono no

Arrivano per il momento a 600 le firme raccolte contro la nuova ciclabile e il ridisegno delle vie Mengoli e Laura Bassi a Bologna. Ad annunciarlo è il comitato cittadino ‘Bologna vuole vivere’, nato sull’onda della protesta dei residenti della zona, i quali si dicono profondamente turbati dal nuovo assetto stradale, sostenendo che la ciclabile sia penalizzante per la circolazione delle autovetture e per la questione dei parcheggi, che pare siano stati drasticamente ridotti. Il traffico, hanno fatto notare i residenti, si è fortemente intensificato, creando congestioni che partono dall’angolo di via Venturoli e arrivano fino a Via Murri; usare la macchina in queste strade è diventato difficile soprattutto nelle ore di punta, e chi vive qui lamenta un peggioramento della qualità della vita e degli spostamenti. Per queste ragioni il comitato, lo scorso 28 ottobre, è sceso in strada chiedendo all’amministrazione comunale di essere ascoltato, coinvolto e interpellato e presentando inoltre una lettere aperta al sindaco Matteo Lepore, il quale non ha ancora risposto ai cittadini.

"Durante l’incontro aperto di sabato 28 ottobre scorso – ricorda il portavoce di Bovv, Roberto Anedda– avevamo pubblicamente riferito di essere stati contattati (il giorno 26 ottobre) dall’assessora Valentina Orioli, la quale ci ha manifestato il suo urgente desiderio di incontrarci, con lo scopo dichiarato di ascoltare le nostre voci e con l’impegno di trovare soluzioni alla situazione di forte disagio di tanti cittadini, come da noi denunciato anche nella lettera aperta al sindaco (che ancora non ha avuto risposta)". Ad oggi, però, "questo incontro non solo non c’è mai stato – contesta il comitato – ma non abbiamo avuto, contrariamente a quanto promesso, nessuna proposta di data dal Comune".

In ogni caso, assicura Anedda, "andiamo avanti per la nostra strada chiedendo a gran voce questo confronto e sperando quanto prima di trovare spazio nell’agenda della assessora". Nel frattempo, la petizione lanciata da Bovv "ha raccolto nella prima settimana circa 600 firme – riferisce il comitato – per lo più in zona Laura Bassi-Mengoli. Ma stiamo ricevendo consensi e firme anche da altre zone di Bologna". Il sito web conta ad oggi "più di un migliaio di visitatori unici e quasi 3.000 visite. Stiamo raccogliendo anche le voci dei cittadini, che saranno via via pubblicate nella sezione ‘Le voci di chi la vive’ sul sito", fa sapere Anedda.