Il Villaggio della salute più ha riaperto il 15 giugno
Il Villaggio della salute più ha riaperto il 15 giugno

Bologna, 18 giugno 2021 - Di nuovo liberi, liberi come l’acqua. Il recente ritorno in zona bianca ci ha permesso di rientrare in possesso di una parte importante della nostra libertà, della nostra salute e del nostro benessere. Questo perché, con l’ingresso in zona bianca, ripartono anche tutti i servizi del circuito Mare Termale Bolognese e del Villaggio della Salute Più, con nuove proposte di cura che guardano alla riabilitazione dai postumi del Covid-19 e a nuove cure termali in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale, nonché a un’ampia progettazione dedicata al rafforzamento del corpo attraverso un sempre maggiore rapporto diretto con la natura.

"Prima della pandemia tendevamo a dare il diritto alla salute come qualcosa di scontato - spiega, durante la presentazione dei nuovi servizi del circuito, il direttore scientifico del Gruppo Monti Salute Più Antonio Monti -. Adesso invece questa sicurezza è svanita e le persone sentono un forte bisogno di potenziare il proprio stato di salute. Perciò come Gruppo Monti ci siamo posti il problema di dare soluzioni che sapessero intercettare ancora meglio le esigenze delle persone".

Due i capisaldi su cui si articola la ripartenza della macchina termale felsinea. "Un primo gruppo di proposte riguarda i 5 centri termali, con le loro 12 piscine e una serie di cure percorsi riabilitativi dedicati soprattutto a chi continua a soffrire dei postumi da Covid-19 - continua Monti -. Attraverso le cure di balneokinesiterapia e idrokinesiterapia vengono potenziati i sistemi dell’apparato respiratorio e cardiocircolatorio. Secondo, portiamo avanti e stimoliamo il rapporto fra medicina e natura, all’interno del nostro Villaggio della Salute Più, che con l’entrata in zona bianca è potuto tornare a lavorare a pieno regime, seppur sempre nel rispetto delle norme anticontagio".

Qui, l’offerta consta di "tre grandi teofanie della natura" come il Natura World, un progetto territoriale con 55 percorsi ecologici per un’estensione di 302 chilometri da vivere a piedi o in bici; dieci location ecoterapiche all’interno del Villaggio e nei suoi dintorni e, infine, l’Aquaparck della Salute Più, con le sue 24 piscine, 5 pianori e la Valle dei Laghi, quale una delle più grandi realizzazioni legate al benessere.

"Nell’ottica di un rapporto sempre più stretto con la sanità pubblica infine, il gruppo ha appena aggiunto in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale tre nuove cure termali - aggiunge in chiosa Graziano Prantoni, General manager del Gruppo Monti Salute Più -. I fanghi termali, le cure per la sordità rinogena alle Terme di San Luca e il percorso flebologico alle Terme Felsinee vanno così ad ampliare un offerta di convenzione che nel gruppo riguarda già circa il 70/80% dei servizi offerti".