Violenza sulle donne, sono 109 i casi nel 2023. L’assassinio di Giulia Cecchettin, uccisa dall’ex

I motivi principali sono il basso livello di istruzione, l’abuso di alcol e i retaggi culturali.

Sono 109 i casi di femminicidio segnalati in Italia nel 2023. Allargando lo sguardo, uno studio delle Nazioni Unite dice che muoiono 5 donne all’ora, 137 al giorno. Casi di violenza verso le donne perché donne. Le cause principali sono il basso livello di istruzione maschile, l’aver subito violenze da bambini, l’abuso di alcol, l’accettazione della violenza come cultura.

Ricordiamo il caso di Giulia Cecchettin, uccisa dall’ex fidanzato Filippo Turetta lo scorso novembre. I due si erano lasciati, rimanendo in contatto anche dopo la rottura. Lui però non accettava la separazione e minacciava il suicidio. Quel giorno i due erano andati al centro commerciale, perché Giulia voleva comprare le scarpe per la sua laurea. Dopo aver cenato, Turetta l’ha uccisa. Accoltellata senza pietà, il corpo di Giulia è stata trovato nel bosco. Cosa possiamo fare affinché questo non si ripeta più? È importante chiedere aiuto. Esiste il signal for help: alzi la mano e mostri il palmo, pieghi il pollice nel palmo e poi le altre dita fino a chiudere il pugno. Ci sono tante associazioni che aiutano le donne in difficoltà, come il centro antiviolenza Casa delle donne, che dà accoglienza nelle case rifugio. Il numero 1522 risponde alle richieste di aiuto per violenza e stalking.

Anna Rossi, Dino Tamburelli, Irene Morgese, Virginia Camporese, Ginevra Lazzari, Niccolò Marzo, Jenny Zeng, Emily Zambonini, Zeno Zabini