La parete dell’Xm24 imbrattata
La parete dell’Xm24 imbrattata

Bologna, 27 luglio 2019 – Il graffito vincolato dell’Xm24? Se n’è andato. Con un’opera di pennelli e vernice, la parete che un tempo aveva ospitato Blu e dove adesso c’era un murales di Aladin, è diventata una coperta patchwork. Una decina di occupanti dell’Xm24, il centro sociale della Bolognina in aria di sgombero, hanno vergato, su tutta la parete che dà su via Fioravanti, la scritta: ‘Il cohousing è una ca..ta pazzesca’ a lettere cubitali, per poi occuparsi del muro dove c’era l’opera che la Sovrintendenza voleva fosse vincolata e mantenuta (anche dopo il recupero dello stabile da parte del Comune).

Una questione che aveva suscitato polemiche e che adesso hanno risolto, con una passata di vernice che probabilmente costerà loro una denuncia, gli stessi occupanti del centro sociale.

"Da un lato volete sgomberarci, dall'altro volete rinchiuderci in una teca. Non vi farete belli della nostra storia" hanno scritto in una nota gli attivisti di Xm. E poi: "Non consegneremo al Comune un monumento svuotato dal suo
contenuto politico e di lotta - si legge ancora nel documento di Xm - non ci saranno turisti e passanti che si faranno selfie di fronte al fascio spezzato, ai partigiani dipinti, al ritratto del nostro compagno Francesco Lorusso e al cane, al topo e al piccione di XM24, e un Lepore (l'assessore comunale alla cultura, nrd) o chi per lui a raccontare in modo addomesticato la storia dello Spazio Autogestito che oggi vogliono sgomberare". 

Dopo una serie di ultimatum lanciati dal Comune agli attivisti di Xm24, occupato dopo che la convenzione è scaduta nel 2016, il termine ultimo per liberare gli spazi è scaduto giovedì 25 luglio.